CONDIVIDI

E’ boom di prenotazioni di case vacanze per quel che riguarda le destinazioni di montagna: problemi, invece, per alberghi e Bed & Breakfast

E’ boom di prenotazioni per quel che riguarda le case vacanze in montagna. Dunque, da parte dei clienti, vengono preferiti appartamenti, ville, baite e chalet anziché alberghi e bed & breakfast per privilegiare la questione “sicurezza”.

Il Sole 24 Ore ha fatto il punto della situazione grazie agli operatori turistici di Alto Adige, Livigno e Cortina d’Ampezzo.

LEGGI ANCHE—> Fase 2 Alberghi, il 40% ha riaperto a maggio: crollano i posti di lavoro

Prenotazioni case vacanza in montagna, la situazione

Rifugio montagna

Wolfgang Töchterle, direttore Marketing di Idm Südtirol, spiega come le richieste siano aumentate principalmente nella zona dolomitica. Le regole saranno uguali per tutti ed andranno rispettate. Per quel che riguarda invece la questione economica, chiarisce: “I listini per il 2020 sono stati definiti l’anno scorso e per questo non ci saranno aumenti significativi in questa stagione”.

A Cortina d’Ampezzo invece, per quel che riguarda gli appartamenti, c’è un aumento delle richieste rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (si parla del doppio circa).

In Alta Valtellina, invece, rispetto all’anno scorso le prenotazioni sono in calo solo del 9%. Al momento, dicono dall’Apt, sono particolarmente desiderati gli appartamenti indipendenti e fuori dal centro di Livigno, subito dopo baite, chalet e residence con piscina. Le strutture stanno lavorando per attrezzarsi al rispetto delle norme. A beneficio dei turisti, alberghi e ristoranti opereranno con servizi di food delivery su richiesta.

In Val Gardena, paesino altoatesino con poco più di 2.600 abitanti residenti e oltre 8.700 posti letto complessivi, gode di oltre 40 residence e 160 case e chalet per i periodi di punta. Irene Delazzer, direttrice dell’Ufficio Turistico Val Gardena, spiega che le richieste per gli appartamenti in case private e in residence, iniziate già a gennaio, sono aumentate di parecchio dopo la riapertura delle regioni e delle frontiere. A dimostrazione che il pubblico di turisti e vacanzieri non è solamente nostrano.

LEGGI ANCHE—> Grave lutto per Mel Gibson, è morto il padre: aveva 101 anni