CONDIVIDI

Fase 3, tutti liberi di circolare: in Puglia fin dal primo giorno dell’apertura numeri da record. Come funziona nelle due grandi isole italiane?

coronavirus puglia quarantena
Il governatore della Puglia, Michele Emiliano (Twitter)

Fase 3, da oggi è cominciata la libera circolazione in Italia e molti ne hanno approfittato. Soptrattutto chi era rimasto lontanao da casa e dalle famiglie nelle regioni del Nord e ha fatto rientro nella sua regione d’origine. In meno di 24 ore la Puglia ha fatto registrare numeri da record: 6608 i moduli compilati online per segnalare l’ingresso in regione. Ma anche più di 80mila accessi alla piattaforma online della Regione

L’ultima ordinanza  del governatore, Michele Emiliano, parla chiaro. Per contenere il diffondersi del virus Covid-19 chiunque entri in regione con qualsiasi mezzo, deve auto segnalarsi compilando il modulo predisposto. Dovrà dichiarare il luogo di provenienza e il comune nel quale si stabilirà. Escluso chi si sposta per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza. Ma intanto il governatore consiglia a tutti di scaricare l’app ‘Immuni’.

Fase 2
Fase 3, fuga verso il Sud e le isole (Getty Images)

Intanto però Emiliano è soddisfatto per questo nuovo inizio: “Sono numeri elevatissimi che ci danno l’idea dell’entità degli arrivi da fuori regione. Ma anche il segno dello spirito di collaborazione dei pugliesi e dei visitatori nell’ottemperare le disposizioni previste dall’ordinanza ai fini di prevenzione”. Nessuna forzatura della privacy, ma solo un modo per avere tutto sotto controllo da qui ai prossimi trenta giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19 Sardegna, Solinas: “Senza certificato niente imbarco”

Sicilia e Sardegna lanciano la App per la sicurezza, ma con finalità diverse

E nelle altre regioni che aspettano una pacifica invasione, in attesa dei turisti, come funziona? La Siciliua ha inaugurato l’App ‘SiciliaSiCura’ presentata questa mattina da presidente della Regione, Nello Musumeci. L’ha descritta come “un sistema discreto e invisibile per i turisti, ma che è pronto a intervenire in caso di necessità». Uno strumento facoltativo, a vantaggio dell’utente. Invierà una notifica giornaliera per ricordare a chi arriva da fuori, in caso di malessere, di contattare il Sistema sanitario regionale dal suo smartphone o chiamando il numero verde 800/458787.

La segnalazione arriverà alla centrale dell’Unità sanitaria di continuità territoriale turistica. I casi sospetti di Covid-19 saranno presi in carico dalle Asp competenti mentre in caso di ricovero il paziente sarà indirizzato nel Covid-Hospital più vicino.

Christian Solinas
Sardegna, il governatore Solinas pretende controlli (Facebook)

Diverso l’atteggiamento della Sardegna. Qui è prevista la registrazione obbligatoria, e non su base volontaria, per chi arriva da fuori tramite un questionario che segnala anche gli eventuali spostamenti interni. Deve essere compilato online sul sito della Regione prima della partenza, o attraverso la App ‘Sardegna Sicura’.

L’ordinanza è stata firmata nelle ultime ore dal governatore Christian Solinas.  La registrazione “è obbligatoria per tutti i soggetti che intendono imbarcarsi su linee aeree o marittime dirette in Sardegna, a prescindere dai luoghi di provenienza”. Ma  fFino al 12 giugno chi non ha fatto la registrazione in via telematica potrà farla manualmente a bordo. Inoltre all’arrivo nei porti e negli aeroporti della Sardegna, tutti i viaggiatori saranno sottoposti alla misurazione della temperatura. Dovranno anche compilare una scheda sanitaria “di ricerca di possibili pregresse infezioni o contatti col coronavirus”.