CONDIVIDI

Covid-19, a New York sono in atto delle importanti riflessioni per quanto riguarda la ripresa delle scuole in autunno. 

New York, Coronavirus (Foto: Getty)

Il COVID-19 ha messo in ginocchio l’intero pianeta. Tra gli innumerevoli danni causati dall’infezione originaria di Wuhan tra tutti capeggiano i danni causati al sistema scolastico di tutte le nazioni. Formare i cittadini del domani è un compito arduo quanto importante, e se non si può più andare a scuola la situazione diventa molto complicata. In molti Paesi si stanno arrangiando momentaneamente con le videolezioni da casa, ma in tutti sperano in una ripresa della quotidianità dopo l’estate, con le scuole riaperte. La cosa, però, non è assolutamente scontata, anzi. Infatti diversi Paesi e politici stanno aprendo alla possibilità che neanche dopo l’estate le cose torneranno davvero alla normalità per gli studenti, data la pericolosità che caratterizza l’aula scolastica.

LEGGI ANCHE —> Covid-19, la denuncia dell’Inps: i morti sono molti di più di quelli ufficiali

Covid-19, New York: “Non siamo certi di riaprire scuole a ottobre”

Il governatore Andrew Cuomo, come suo solito, si è esposto sull’argomento. “A New York è ancora troppo presto per decidere la riapertura delle scuole in autunno”, ha sostenuto in conferenza stampa. Nella sua area di giurisdizione, infatti, il COVID-19 ha colpito in modo davvero terrificante. Basti pensare che, ad oggi, solo a New York ci sono stati dall’inizio della pandemia conta circa 360mila casi di contagio e 29mila morti. Numeri spaventosi, che spingono a riflessioni profonde. Ed anche in Italia si sta riflettendo sul futuro della scuola. 

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24