CONDIVIDI

Gran Bretagna, viola il lockdown per l’amante: era consigliere di Johnson. Lo scienziato Neil Ferguson aveva consigliato il premier sulle misure restrittive da adottare

Neil Ferguson amante
Gran Bretagna, viola il lockdown per l’amante: era consigliere di Johnson (Foto: Facebook)

Lo scienziato che ha convinto il primo ministro britannico Boris Johnson a chiudere definitivamente il paese per l’emergenza coronavirus si è dimesso dal suo incarico dopo aver violato il lockdown. La motivazione ha creato un certo scandalo in Inghilterra visto che le misure sono state infrante per poter incontrare la propria amante di nascosto.

L’epidemiologo Neil Ferguson, 51 anni, il cui soprannome è “Professor Lockdown”, ha ammesso al Telegraph di aver “commesso un errore di giudizio” invitando Antonia Staats, 38 anni, a casa sua almeno due volte. Il tutto chiaramente infrangendo le regole di distanziamento sociale particolarmente rigide nel Regno Unito dopo che le vittime del Covid-19 hanno superato quota 30.000. Il paese Nord Europeo è diventato il secondo al mondo per morti dietro agli Stati Uniti, superando anche l’Italia. L’amante viveva a Londra con suo marito e due figli, ha detto il Telegraph.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19 Gran Bretagna, altro che Fase 2: i morti aumentano

Gran Bretagna, viola il lockdown per l’amante: era consigliere di Johnson

Lockdown Inghilterra
Gran Bretagna, viola il lockdown per l’amante: era consigliere di Johnson (Foto: Getty)

Accetto di aver commesso un errore di giudizio e di aver preso la strada sbagliata“, ha detto al Telegraph Ferguson, ricercatore dell’Imperial College di Londra. “Ho quindi fatto un passo indietro rispetto al mio coinvolgimento in Sage (il gruppo scientifico consultivo del governo per le emergenze).

Ho agito nella convinzione di essere immune, dopo aver contratto il coronavirus ed essermi isolate per più di due settimane fino al cessare dei sintomi e della positività“, ha aggiunto.

Mi rammarico profondamente per aver minato i messaggi chiari intorno alla continua necessità di allontanamento sociale per controllare questa devastante epidemia. La guida del governo è inequivocabile ed è lì per proteggere tutti noi”.

Ferguson ha guidato il team scientifico che ha messo a punto la ricerca che ha spinto Johnson a chiudere gran parte del paese a fine marzo, quando il contagio era già ben avviato.

Lo scienziato è stato spesso in Tv per incoraggiare le persone a mantenere un rigoroso allontanamento sociale e una rigida quarantena.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Boris Johnson e la lotta contro il Covid: “Ricevuto litri di ossigeno”