Morto Trevor Cherry, leggenda del calcio inglese: aveva 72 anni

Lutto nel mondo del calcio. Si è spento all’età di 72 anni Trevor Cherry, leggenda del calcio inglese tra gli anni ’70 e ’80

Trevor Cherry
Morto all’età di 72 anni Trevor Cherry, colonna del Leeds (Getty Images)

Arriva una bruttissima notizia per gli appassionati di calcio. All’età di 72 anni, si è spento Trevor Cherry. Leggenda del calcio inglese, è stato una colonna portante del Leeds a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80, portandolo a livelli altissimi. Ricordato anche per le 27 presenze con la Nazionale inglese, la sua scomparsa inaspettata ha stupito tutti.

A comunicarne la morte è stato proprio il suo club di una vita, il Leeds, che con una nota ufficiale sul proprio sito ha dato il triste annuncio. “Il Leeds è profondamente dispiaciuto nel dare l’annuncio della scomparsa di una nostra leggenda, Trevor Cherry“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terremoto Giappone, scossa di magnitudo 5.2 ad Hachinohe: i dettagli

Chi era Trevor Cherry, storico capitano del Leeds

Trevor Cherry
Vincitore di una Premier League col Leeds, giocò 27 partite con la Nazionale inglese (Getty Images)

Nato ad Huddersfield il 23 febbraio 1948, Trevor Cherry è considerato uno dei giocatori inglesi maggiormente di spicco tra gli anni ’70 e gli anni ’80. Di ruolo difensore, Cherry ha raggiunto l’apice della sua carriera giocando nel Leeds dal 1972 al 1982, con oltre 400 presenze in Premier League e 24 gol segnati. Protagonista degli anni d’oro del club inglese, porto la squadra alla vittoria del campionato inglese nella stagione 1973-74.

Conclusa l’esperienza al Leeds, nel 1982 Cherry si trasferisce al Bradford City, dove intraprende l’inedita carriera di giocatore-allenatore. In campo riesce a collezionare 92 presente, fino al ritiro nel 1985. Da allenatore, invece, continua fino al 1987, per poi lasciare e non allenare mai più. Con la Nazionale inglese ha giocato per 27 volte tra il 1976 e il 1980.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Britney Spears ‘did it again’: palestra in cenere per le troppe candele