Coronavirus: veterano di guerra raccoglie 2,5 milioni di sterline

Coronavirus: il veterano di guerra Tom Moore, 99 anni, ha raccolto 2,5 milioni di sterline per gli ospedali britannici.

Tom Moore
Tom Moore (photo screenshot da Instagram)

Coronavirus: con la sua scommessa, Tom Moore, veterano di guerra, è riuscito a raccogliere 2,5 milioni di sterline per gli ospedali britannici. Come riporta il Corriere della Sera, il 99enne ha infatti scommesso che avrebbe fatto cento giri di 25 metri nel giardino della sua casa, prima del suo prossimo compleanno, il 30 aprile. Tom sta raccogliendo delle cifre di gran lunga superiori a quelle che si era prestabilito (circa 500 mila sterline) e sta realizzando il suo progetto al ritmo di dieci giri al giorno.

Tom Moore cammina grazie all’ausilio di un deambulatore. Da quando il veterano si è rotto un’anca, ha iniziato a camminare attraverso questo supporto. Tuttavia, questo non gli ha impedito di prendere in considerazione l’idea della “camminata con raccolta fondi”.

Leggi anche >>> Coronavirus, 104.291 contagi e 21.067 morti in Italia: numeri in calo – DIRETTA

Coronavirus: raccolta di 2,5 milioni per il veterano Tom Moore

Coronavirus Inghilterra
Coronavirus, epidemia in Inghilterra ©Getty Images

Tom Moore compirà 100 anni il prossimo 30 aprile e ha fatto sapere, come riporta il Corriere della Sera, che continuerà a camminare anche dopo il suo compleanno. Il veterano ha voluto anche mandare un sentito ringraziamento a tutto il sistema sanitario britannico, che si è preso cura di lui quando era ricoverato all’ospedale. Moore è stato infatti ricoverato per due volte negli ultimi anni: una prima volta a causa dell’operazione all’anca e una seconda volta per la testa.

Ora, il veterano di guerra, che ha prestato servizio dapprima in India e poi in Birmania durante la Seconda Guerra Mondiale, si è messo in prima linea per aiutare il sistema sanitario nazionale, attraverso la sfida della “camminata”. Il 99enne ha finora raccolto 2,5 milioni di sterline, circa 2,9 milioni di euro, ma la sfida non finisce qui, perché, come ha fatto sapere, “finché ci sono persone che contribuiranno, la camminata andrà avanti”.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: morto il matematico John Conway, ideatore del gioco “Life”

F.A.