Coronavirus, Fontana: “Possibile nuova ondata a ottobre o novembre”

Coronavirus, il capo della Lombardia Attilio Fontana ha lanciato una dura ipotesi: possibile nuova ondata a ottobre o novembre

coronavirus Fontana ottobre novembre
Coronavirus, Fontana: “possibile nuova ondata a ottobre o novembre” (Foto: Getty)

Da ormai parecchie settimane, il Coronavirus sta mettendo in ginocchio l’intero sistema economico e sanitario mondiale. Partito dall’epicentro di Wuhan, in Cina, la pandemia ha presto allargato i propri orizzonti. Esploso principalmente nel nord Italia, il Covid-19 si è poi allargato al resto dell’Europa, fino ad arrivare agli Stati Uniti. La speranza e l’obiettivo di tutti è quello di debellare definitivamente il Coronavirus entro l’inizio dell’estate, ma potrebbe non bastare. Intervistato per Radio Padania questa mattina, il Presidente della regione Lombardia Attilio Fontana ha parlato di una possibile ipotesi data dagli esperti. La malattia, avendo molte affinità con la normale influenza, potrebbe ripresentarsi il prossimo ottobre o novembre.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, vicesindaco sorpreso a fare footing per 30 km: si dimette

Coronavirus, Fontana: “Prepariamoci a nuova ondata a ottobre o novembre”

coronavirus fontana ottobre novembre
Il Governatore della Lombardia ha esortato tutti a prepararsi a nuova ondata (websource)

In Italia, si può parlare di vera e propria esplosione del Coronavirus da ormai un mese. Il Paese è in lockdown, e lo sarà ancora fino al 13 aprile, in attesa di nuove direttive dal Governo. Il Presidente della Lombardia Attilio Fontana, ai microfoni di Radio Padania, ha parlato di una dura ipotesi che potrebbe verificarsi. “Secondo esperti, il virus potrebbe ripresentarsi a ottobre o novembre” spiega Fontana, che aggiunge: “Questo perché l’attinenza è simile a una normale influenza“. Con queste dichiarazioni, il Governatore della regione lombarda ha voluto mettere tutti in guardia, esortando a prepararsi a una nuova ondata. “Noi siamo pronti, la nostra sanità è la migliore in Italia” aggiunge Fontana, dichiarandosi orgoglioso della reazione avuta dal personale sanitario a tutto quello che il Coronavirus ha causato, e sta continuando a causare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, morto Ellis Marsalis Jr: era una leggenda del jazz