Lombardia, emergenza Coronavirus: Fontana richiama medici in pensione

In Lombardia è piena emergenza per il Coronavirus: il presidente della Regione Attilio Fontana richiama i medici in pensione. Problemi di carenza di personale

lombardia Coronavirus medici pensione
Attilio Fontana (Getty Images)

Non si frena l’allerta per il Coronavirus nel Nord Italia, la zona più colpita dall’epidemia influenzale che sta mettendo sottosopra il sistema sanitario e l’economia del nostro Paese. Il problema principale in questo momento, oltre al diffondersi dei contagi, è la carenza di posti letto nelle strutture sanitarie e l’insufficienza di personale medico per fronteggiare l’emergenza.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus: i numeri in Italia di morti, contagi e guariti

Lombardia, emergenza Coronavirus: Fontana richiama i medici in pensione

lombardia coronavirus medici pensione
Ospedale Sacco di Milano

Così, l’unica soluzione secondo il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, è stata quella di richiamare “alle armi” i medici e infermieri in pensione. “La situazione è critica – afferma Fontana a ‘Il Giornale‘ – Abbiamo richiamato in servizio i medici pensionati, gli specializzandi sono già utilizzati. Stiamo stilando un piano di nuove assunzioni. Ma tutti devono lavorare nella massima sicurezza, perché se solo uno di loro dovesse essere contagiato sarebbe un grande problema per tutti“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, l’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano: “Mai visto niente di simile”

“La nostra sanità è efficiente perché composta da medici e infermieri di grandissimo valore e possiamo contare anche sull’appoggio di ospedali privati“. C’è, però un problema importante di carenza di personale: “Purtroppo abbiamo pochi medici a causa dei vincoli di bilancio imposti dal governo. Senza di quelli potremmo avere molti più medici e infermieri”.