Coronavirus, Piemonte valuta riapertura delle scuole

Arrivano anche segnali positivi sul Coronavirus. Secondo quanto detto dal presidente Cirio, il Piemonte valuta la riapertura delle scuole

Il presidente del Piemonte Alberto Cirio sulla riapertura delle scuole (websource)
Il presidente del Piemonte Alberto Cirio sulla riapertura delle scuole (websource)

I casi positivi di Coronavirus sono in continuo aumento, così come cresce il numero di persone decedute a causa di questa terribile epidemia cinese. L’Italia è corsa ai ripari, e lo sta continuando a fare con diversi ordini restrittivi e limitazioni volti a limitare i danni e non far crescere a dismisura il numero degli infetti. Tra le diverse regioni, soprattutto del Nord Italia, colpite dagli effetti del Coronavirus c’è il Piemonte. Secondo quanto detto da Alberto Cirio, presidente della regione Piemonte, si starebbe però valutando a delle mosse per far rialzare la regione. Tra queste, una delle più plausibili è la riapertura delle scuole. Al momento non c’è ancora nulla ufficiale, ma i prossimi giorni potrebbero essere importanti in questo senso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, 14 vittime e 528 contagi in Italia: positivo un calciatore – DIRETTA

Coronavirus, le parole del presidente Cirio

Il presidente del Piemonte Alberto Cirio
Il presidente del Piemonte Alberto Cirio (Getty Images)

Rispondendo alle diverse domande postegli dai giornalisti, il presidente della regione Piemonte Alberto Cirio ha voluto tracciare un quadro generale della situazione attuale in cui sta vivendo la regione da lui governata, a causa del Coronavirus. Arrivano segnali incoraggianti, tanto che si potrebbe pensare a una riapertura delle scuole. “Stiamo facendo diverse valutazioni, tra cui la riapertura delle scuole. Il desiderio è quello di tornare alla normalità il più in fretta possibile, e al momento non è una cosa così impossibile, ma la salute dei cittadini viene ovviamente prima“, queste le parole rilasciate dal presidente Cirio. Difficile pensare a novità nelle prossime ore, ma con le dovute valutazioni potrebbe esserci una svolta importante entro fine settimana.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, la prima paziente guarita: “Semplice influenza, quanta scemenza”