CONDIVIDI

Messi in Serie A è il sogno di molti italiani: arriva l’annuncio pazzesco che non esclude l’addio al Barcellona del Pallone d’Oro

messi serie a braida
Messi ©Getty Images

Il futuro di Leo Messi è sempre più incerto e voci sempre più insistenti danno la ‘Pulce’ lontana dal Barcellona nella prossima stagione. L’argentino ha avuto nei giorni scorsi qualche screzio con il suo ex compagno di squadra e attuale direttore sportivo Eric Abidal, per via dell’esonero del tecnico blaugrana Ernesto Valverde. Inoltre, a quasi 33 anni e una intera carriera trascorsa in Catalogna, per il Pallone d’Oro potrebbe essere arrivato il momento di provare una nuova esperienza calcistica e di vita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Messi in Serie A, sogno possibile: è scontro con il Barcellona

Messi in Serie A, l’annuncio di Braida: “Non è impossibile”

messi serie a braida
Ariedo Braida (Getty Images)

Ad aprire un’ulteriore spiraglio per l’addio di Messi al Barcellona è l’ex direttore sportivo blaugrana Ariedo Braida. L’ex dirigente del Milan, che conosce bene le dinamiche interne al Camp Nou, si è lasciato sfuggire alcune affermazioni di cauto ottimismo alla ‘Gazzetta dello sport‘. “Messi sta molto bene a Barcellona, vive qui da sempre con la sua famiglia. Reputo difficile che possa andare via, ma nel calcio non c’è nulla di impossibile“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, sogno Messi-Cristiano Ronaldo: è possibile

L’argentino nel passato aveva sempre giurato amore eterno al club blaugrana, ma le ultime vicende potrebbero fargli cambiare idea. Messi, in scadenza di contratto nel 2021, grazie ad una speciale clausola, potrebbe liberarsi a zero a giugno: una grandissima occasione anche per le squadre di Serie A. Ma dove potrebbe andare il numero 10 della nazionale albiceleste? “Sicuramente nelle squadre con fatturati importanti, come le inglesi – continua Braida – ma anche in Italia. Da milanista mi piacerebbe vederlo con la maglia rossonera, ma più verosimilmente sono solo Inter e Juventus che potrebbero prenderlo. E’ un giocatore ovviamente molto costoso, ma con lui la società che dovesse prenderlo crescerebbe non solo a livello tecnico, ma anche commerciale”.