Elezioni regionali: Matteo Salvini soddisfatto, “grazie a chi ha votato”

Elezioni regionali: Matteo Salvini commenta, ad un’ora dalla chiusura dei seggi, i risultati. Il trionfo in Calabria, la lotta in Emilia.

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni
Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni (Getty)

Elezioni regionali: Matteo Salvini parla quasi immediatamente commentando i primi exit poll. “Grazie a quei milioni di persone che oggi sono andati a votare, indipendfemente da chi hanno scelto. parto dall’unico dato certo, quello della Calabria. per la prima volta ci siamo e siamo determinanti. Entriamo con forza nel consiglio regionale. Felicissimo di essere stato un po’ di volte in Calabria e ci tornerò, per mantenere gli impegni”.

In Emilia Romagna? “Una cavalcata emozionante, somo contento di aver incontrato migliaia e migliaia di persone in ogni dove. Avere una partita aperta con i primi exit poll per me è un’emozionae. Che dopo 70 anni in Emilia Romagna ci sia stata una partita è significativo. E ringrazio Lucia Borgonzoni, una donna straordinaria. Chiunque vinca, avrà meritato. Il popolo ha sempre ragione”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Elezioni regionali: chi è Jole Santelli, futura governatrice della Calabria

Salvini elogia Jole Santelli e manda un messaggio chiaro al governo

Matteo Salvini Bibbiano
Matteo Salvini (Websource)

Salvini guarda già avanti: “In Calabria saremo pronti già da domani per formare una squadra di governo. Jole Santelli è stata una donna eccezionale, ha lavorato con i fatti”. E il Movimento 5 Stelle? “Sembra chiaro che sta scomparendo sia dall’Emilia Romagna che dalla Calabria e quindi da domani qualcosa a Roma cambierà”.

In realtà il leader della Lega nelle scorse settimane aveva sdoganato spesso l’argomento elezioni regionali collegato a quelle nazionali. Questa sera, almeno nella pèrima conferenza stampa post elezioni, invece non ne ha fatto cenno. Forse si è reso conto pure lui che è meglio aspettare le prossime scadenze elettorali, come quelle di Campania e Puglia. Ma il tema tornerà presto di moda, anche per capire come reagiranno i pentastellati sotto assedio.