CONDIVIDI

Continuano gli attacchi tra Iran e Usa. Stavolta a colpire è l’esercito iraniano, che con l’ultimo attacco ha ferito ben 11 soldati americani.

Iran
Nuovo attacco iraniano alle basi americane (via Getty Images)

Nonostante se ne parli appparentemente poco, continua la tensione tra l’Iran e gli Stati Uniti. I due eserciti continuano ad attaccarsi e la tensione in Medio Oriente non si arresta.

Gli attacchi, che spesso avvengono con lanci di missili, stanno lasciando una scia di feriti specie in territorio iracheno. L’ultimo violeno attacco, lo effettuò l’esercito iraninano l’8 gennaio. In seguito all’attacco, Trump dichiarò l’assenza di feriti o morti ed invece adesso, iniziano ad uscire le prime indiscrezioni.

Infatti, prima con un comunicato del Pentagono, poi con un articolo del sito Defence One, sono venuti a galla tutti i dettagli sull’ultimo attacco iraniano. Sarebbero ben 11 i feriti, che adesso il doverno statunitense ha deciso di ricoverare fuori dal territorio di guerra. Andiamo, quindi, a scoprire tutti i dettagli.

Iran, arriva il comunicato del Pentagono dopo l’attacco alle basi americane

Iran
Arriva un nuovo attacco iraniano (via Getty Images)

Dopo il violento attacco iraniano, il Pentagono ha deciso di rilasciare un comunicato. Nella nota si legge: “Anche se nessun membro delle truppe americane è rimasto ucciso nell’attacco iraniano dell’8 gennaio, diversi stanno al momento ricevendo cure per sintomi da commozione cerebrale.

Poi, sempre il Pentagono, ci ha tenuto a precisare dove i soldati si stanno curando, dichiarando: “Per precauzione sono stati trasportati al centro medico in Germania. Una volta ritenuti idonei torneranno in Iraq“.

Le conferme del trasferimento dei militari americani da curare, sono arrivate anche dal sito Defence One. Sempre secondo il sito, il trasferimento di feriti non c’è stato solamente in Germania, ma anche in Kuwait.

A prendere posizione su quanto accaduto, ci ha pensato anche Myles Caggings, portavoce Usa da Baghdad. Il colonnello ha infatti dichiarato: “Per un eccesso di cautela, alcuni militari sono stati trasportati dalla base Al Asad, in Iraq, al centro medico di Landstuhl in Germania, e altri al Camp Arifjan, in Kuwait, per screening di follow-up“.

Inoltre secondo i siti di informazione americani, questi soldati sono vittime di commozioni cerebrali. In seguito all’attacco il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva assicurato che non c’era nessun ferito ed invece adesso iniziando ad uscire le prime indiscrezioni, che creano un alone di mistero sulle condizioni dell’esercito americano.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulla Cronaca Estera, CLICCA QUI !