massimo bossetti
Massimo Giuseppe Bossetti

Massimo Bossetti, il muratore condannato per l’omicidio della piccola Yara, continua a far discutere. Come riporta Il Fatto Quotidiano, nelle motivazioni della sentenza, emergono nuovi dettagli sulla vicenda.

In particolare, è stato reso noto il contenuto di un’intercettazione ambientale tra lo stesso Bossetti e la moglie, Marita Comi. I due discutono delle ospitate e dei soldi guadagnati.

“La nostra quota è sempre sui 25 mila a Matrix () Se viene fuori un’altra occasione io farei di tutto Marita, () loro stanno tentando di farti fare le interviste. C’ho litigato io con Claudio che poi è anche uno pieno di soldi tra parentesi”, spiega la Comi a Bossetti.

Poi il marito la ferma: “Gliel’ho detto, quelli che mi arrivano di Matrix, glieli giro a loro. Sai quanti vorrebbero assumersi il mio caso? Mi conoscono in tutta Italia. È il caso più pagato fuori dalla Elena Ceste. Il primo mese non si preoccupi lavoro gratis, il secondo devo pagare”. I due, poi, scoppiano a ridere.

Nelle 367 pagine depositate, i giudici commentano così le parole del muratore e della moglie: “Stanno parlando del vantaggio economicoche possono trarre dal processo con memoriali e ospitate poi effettivamente avvenute. L’atteggiamento psicologico di Bossetti non è certo quello di colui che è disperato e che proclama la sua innocenza () ma quello di chi cerca di gestire a suo vantaggio il clamore mediatico sorto dalla vicenda”.