Le ragazze provocano ed è giusto che vengano stuprate…. La Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha lanciato un accorato appello contro la violenza sessuale nei confronti delle donne. A toccare la sensibilità della Boldrini sono stati gli ultimi dati ufficiali che ci segnalano chiaramente come l’escalation di stupri aumentano a dismisura con l’andare del tempo. Da qui la richiesta di tutelare il più possibile le donne, anche con leggi e pene più severe, in modo tale da scoraggiare il più possibile determinati fatti. Siamo sempre stati contrari alla Presidente della Camera in quasi tutte le sue dichiarazioni, soprattutto riguardo quelle dell’accoglienza ai migranti. Ma questa volta non possiamo che essere d’accordo con Lei. Il rispetto per la persona umana, per la donna, per le ragazze, per le nostre mamme, mogli, figlie, viene prima di tutto il resto. Ecco le parole che la Boldrini ha voluto rilasciare in merito a tale questione:

«Un appello alle forze politiche perché si approvi un provvedimento che aumenti la protezione e le tutele per le donne e rafforzi le misure di interdizione contro gli uomini violenti».

«È inaccettabile – continua la Boldrini – la dimensione di chi dice che se una donna si veste in un certo modo »provoca: provoca cosa? Dobbiamo aiutare i giovani e le ragazze a rispettarsi reciprocamente, a partire dalla scuola. Le ragazze devono essere libere di vestirsi come vogliono». Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, risponde a chi le chiede di commentare le affermazioni di quanti, come il senatore di Ala Vincenzo D’Anna, hanno sostenuto che per proteggersi da atti violenti le donne debbano mettere in atto maggiori cautele anche nella scelta del vestiario. «Allora – prosegue – Boldrini – che facciamo, invochiamo il burqa? È un dibattito assurdo».