noemi durini-min

Il 17enne reo confesso dell’omicidio di Noemi Durini si è avvalso della facoltà di non rispondere.

«Ha già fornito la sua versione dei fatti. È un momento molto difficile, è molto pentito e molto segnato, non sta bene e deve essere curato», ha detto il legale chiedendo per Lucio il ritorno in libertà dal momento che «che non ci sono i presupposti del pericolo di fuga».

Il legale, inoltre, ha svelato di aver chiesto una perizia psichiatrica per stabile la capacità d’intendere e volere aggiungendo che, dopo due giorni di digiuno, ha ricominciato a mangiare. Il giovane che compirà 18 anni il prossimo dicembre, inoltre, avrebbe chiesto di poter continuare a studiare.