CONDIVIDI

L’attentato a Barcellona lascia dietro di sé storie terribili e che commuovono, altre che mettono i brividi sulla schiena. Di sicuro tante ne sentiremo ancora per capire che anche qualche persona di cuore c’è stata.

Paste the following code before the "" or "" tag

Parla l’infermiera che ha soccorso Luca a Barcellona

Paula O’Rourke ha sottolineato: “Ero a casa quel giorno. Il mio balcone è al primo piano di un palazzo in Calle San Pau. Ho visto le persone correre, non c’è stato tempo per riflettere. Sono scesa, ho detto che ero un’infermiera”.

Continua: “Ho visto un ragazzo steso a terra, che si muoveva appena. Mi sono avvicinata e ho capito che non c’era niente da fare. Ho accarezzato il suo viso e gli ho sussurrato ‘E’ tutto ok’. Volevo pronunciare parole di serenità. Lui mi ha guardata, poi ha fissato il cielo, con serenità, come se dormisse”