La strage avvenuta ieri a Barcellona, dove sono morte almeno 13 persone e ferite un centinaio, deve ormai ufficialmente annoverare tra i deceduti un nostro connazionale. La notizia circolava nell’aria già da parecchie ore, ma la conferma è avvenuta solo pochi minuti fa.

La ditta informatica dove lavora Bruno Gulotta, il trentacinquenne di Legnano secondo fonti di stampa rimasto ucciso nella strage di Barcellona, ha pubblicato un necrologio stamattina sul proprio sito web. La Tom’s Hardware scrive: “Ci stringiamo tutti con affetto alla compagna martina e ai due figlioletti di Bruno”. Il country manager, Robero Buonanno: “La notizia ci è giunta all’improvviso ieri sera. Il collega e amico è stato travolto e ucciso da un infame terrorista. Era lì in ferie con la compagna e i due figli”. Intanto sono ancora in corso le verifiche sul coinvolgimento di altri cittadini italiani nell’attentato di ieri a Barcellona da parte dell’Unità di crisi della Farnesina, in raccordo con l’ambasciata d’Italia a Madrid ed il consolato generale a Barcellona, in costante contatto con le autorità spagnole.