Omicidio nel Cremasco: ucciso il titolare di una ditta

Oltre al proprietario dell'azienda Classe A Energy, morto, risulta ferita anche un'altra persona, un uomo di trentasette anni, che è stato portato in ambulanza all'ospedale di Crema.

Carabinieri (generica) - Foto di Ansa Foto
Carabinieri (generica) – Foto di Ansa Foto

Il titolare di un’azienda in provincia di Cremona è morto dopo che diversi colpi di fucile sono stati esplosi questa mattina nella sua attività.

Le ipotesi al vaglio degli investigatori

Sul posto sono giunti i carabinieri, che ora indagano sul movente dell’omicidio, avvenuto a Casale Cremasco Vidolasco. La vittima aveva sessantun’anni e sarebbe stato ucciso da una persona che in quel momento si trovava in un ditta, al termine di un diverbio trasformatosi in tragedia.

Non è da escludere nemmeno che si sia trattato di una resa dei conti finita nel sangue e che quindi l’omicidio sia stato premeditato, dal momento che l’assassino avrebbe portato l’arma con sé da casa.

Omicidio nel Cremasco: ferita un’altra persona e un carabiniere

Oltre al proprietario dell’azienda Classe A Energy, che è morto, risulta ferita anche un’altra persona, un uomo di trentasette anni, che è stato portato in ambulanza all’ospedale di Crema.

Nei momenti successivi, uno di figli della vittima avrebbe ferito lievemente un carabiniere. Secondo fonti dell’Arma citate da RaiNews, quando il congiunto è arrivato sul posto dov’è avvenuto l’omicidio, avrebbe avuto uno sfogo di rabbia. Uno dei militari presenti avrebbe cercato di calmarlo, ricevendo un colpo al volto.