Colpo di scena in Serie A, rischia di saltare la prima giornata: tifosi furiosi

Colpo di scena in Serie A, rischia di saltare la prima giornata: tifosi furiosi. Il presidente della Lega Calcio ha lanciato l’allarme

La grande preoccupazione è legata al clima, davvero torrido in questa estate 2022. Se continuasse a fare così caldo ad agosto sarebbe dura giocare.

Serie A
Serie A (Foto: Facebook)

Si preannuncia un anno super compresso per il calcio. La brillante scelta della FIFA di organizzare il Mondiale tra novembre e dicembre ha scombussolato i piani di tutti i campionati europei. La UEFA ha dovuto riorganizzare tutte le date delle coppe europee e i vari campionati dovranno subire uno stop di 40 giorni, che andrà a sovrapporsi al consueto break post natalizio. La beffa per l’Italia è che tutto questo non servirà alla nostra Nazionale, vista l’incredibile eliminazione raggiunta dai ragazzi di Mancini contro la Svizzera prima e la Macedonia del Nord dopo. Quello che preoccupa all’intero della Lega di Serie A e della FIGC è anche il ritmo serrato dei calendari. Non esistono praticamente spazi vuoti da poter utilizzare per eventuali recuperi. Proprio per questo sembra impensabile ipotizzare uno slittamento del torneo oltre la data del 13 agosto. Eppure c’è un rischio che attanaglia la prima giornata di campionato.

Serie A, prima giornata di campionato a rischio: il presidente della Lega Calcio spiega il perchè

Lorenzo Casini
Lorenzo Casini (Facebook)

A svelare il facile arcano è stato il presidente della Lega di Serie A, Lorenzo Casini. Durante la visita alla Dacia Arena di Udine, andata in scena ieri, il numero uno della Confindustria del pallone ha rilasciato alcune dichiarazioni molto importanti. Ai microfoni di Udinese Tv, Casini ha spiegato:La prima preoccupazione per l’inizio del campionato è legata al clima, dato che l’eventuale persistenza delle attuali temperature renderebbe difficile cominciare a giocare il 13 agosto“.

Un duro colpo per tutti i tifosi che vivono sempre male la lunga astinenza estiva. L’inizio anticipato di questa stagione coincide però con un clima da record dal punto di vista del caldo torrido. 

Il presidente Casini poi prosegue: “Di certo si tratterà di una stagione anomala per via della pausa legata alla Coppa del Mondo, e sarà sicuramente triste dovervi assistere senza la partecipazione della Nazionale di Roberto Mancini. Ma questo ovviamente fungerà da monito per investire sempre più sui giovani italiani nel nostro campionato”. Un’idea per il futuro del nostro movimento che si spera venga finalmente messa in pratica.