Sanremo 2022, nuovo terremoto: la decisione di Amadeus scatena il putiferio

Nuovo terremoto mette a dura prova il Festival di Sanremo 2022. La decisione di Amadeus ha scatenato il putiferio.

Amadeus
Amadeus (foto Getty)

Il 2022 è iniziato da diversi giorni e con l’anno nuovo, come tutti sanno, si avvicina la nuova edizione della kermesse musicale per antonomasia. Le date sono già state divulgate il 22 giugno durante la presentazione dei palinsesti RAI. Quindi, la settantaduesima edizione si terrà nel comune ligure dal 2 al 5 febbraio 2022.

I concorrenti della futura edizione saranno: Achille Lauro, Aka 7even, Ana Mena, Dargen D’Amico, Ditonellapiaga con Donatella Rettore, Elisa, Emma, Fabrizio Moro, Gianni Morandi, Giovanni Truppi, Giusy Ferreri, Highsnob e Hu, Irama, Iva Zanicchi, La Rappresentante di Lista, Le Vibrazioni, Mahmood e Blanco, Massimo Ranieri, Matteo Romano, Michele Bravi, Noemi, Rkomi, Sangiovanni, Tananai e Yuman.

Ad affiancare Amadeus nella condizione ci saranno cinque coconduttrici, ognuna protagonista di una puntata. Ornella Muti, nella prima serata, la giovane attrice Lorena Cesarini nella seconda serata, mentre giovedì sarà all’Ariston Drusilla Foer, attrice e star dei social. Venerdì Maria Chiara Giannetta e per il gran finale invece sul palco con Amadeus ci sarà Sabrina Ferilli.

Sanremo, nuovo terremoto: la decisione di Amadeus scatena il putiferio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Drusilla Foer (@drusillafoer)

Il senatore della Repubblica del gruppo parlamentare della Lega, Simone Pillon, ha attaccato il Festival di Sanremo e la scelta di invitare sul palco tra le cinque co-conduttrici del Festival Drusilla Foer, nome d’arte di Gianluca Gori.

LEGGI ANCHE >>> Cosa faceva Simona Ventura prima di diventare una conduttrice di successo? In pochi lo sanno

“Sanremo sempre più LGBT, è stata già assegnata la quota gender-inclusive. Non si potrebbe avere tra i co-presentatori un normale papà (uno eh, non due), e magari di ispirazione conservatrice? Sarebbe un bel segnale, se non altro a tutela delle specie a rischio estinzione televisiva”.