Cashback, il 2022 comincia con una splendida notizia: si può fare

Cashback, il 2022 comincia con una splendida notizia: si può fare. Chi fa acquisti con le carte di pagamento può avere un ritorno

In un periodo complicato come quello che gli italiani stanno vivendo da due anni a questa parte, difficile andare a pescare buone notizie nel mondo dell’economia e dei risparmi. Certamente lo era l’introduzione del bonus Cashback con il quale si era aperto il 2021 e che ci ha accompagnato fino a giugno.

postepay
(Facebook)

Ormai sappiamo bene di non poterci più fare affidamento ma per fortuna esistono anche delle alternative. Perché pubblico e privato hanno compreso bene le potenzialità del cashback e hanno deciso di tenerlo in vita con alcuni iniziative alternative e anche molto interessanti.

Un esempio concreto arriva da Postepay che da qualche tempo ha lanciato il programma ‘Cashback Business‘. Una possibilità concreta di ottenere un ristoro parziale dei soldi spesi nei pagamenti, con un programma moto chiaro.

Cashback, il 2022 comincia con una splendida notizia: come funziona e quanto rende il nuovo cashback

Il programma è riservato esclusivamente ai titolari di Postepay Evolution Business o Carta di debito Postepay Business e l’adesione è automatica, senza nessun costo aggiuntivo. La percentuale di rimborso non è altissima ma comunque interessante: parliamo dello 0,5 per cento rispetto alla spesa.

(Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, nuova mazzata sugli italiani: bocciatura totale, l’anno comincia male

Il cashback è accreditato in modo automatico quando si raggiunge la soglia di 5 euro cumulati e comunque ogni trimestre, indipendentemente dall’importo cumulato. Dopo ogni  transazione inoltre il cashback è accreditato sull’importo effettivamente addebitato e che non  è successivamente stornato.

L’altro aspetto interessante è legato al fatto che ‘Cashback Business’ sarà valido non solo nei punti vendita fisici, ma anche per gli acquisti online. e uniche operazioni non contemplate sono ricarica di carte prepagate, trasferimento fondi, pagamenti in ufficio postale e pagamenti relativi a determinate categorie merceologiche che sono elencate sul sito di Poste Italiane).