Varese, padre uccide il figlio di sette anni e tenta di accoltellare l’ex-moglie: arrestato

L'orrore di Capodanno a Morazzone, dove un pregiudicato ha ucciso il figlio di sette anni e nascosto il suo corpo nell'armadio. Dopo aver accoltellato l'ex-moglie è fuggito, per poi essere arrestato poco dopo

morazzone

Prima avrebbe ucciso il figlio di sette anni che era in casa sua per festeggiare il Capodanno, poi avrebbe raggiunto la ex-moglie cercando di finirla a coltellate.

Arrestato il padre accusato di aver così tolto la vita al proprio bambino e averne occultato il cadavere in un armadio a Morazzone, provincia di Varese.

L’uomo era in procinto di separarsi dalla compagna e si trovava agli arresti domiciliari dopo aver provato ad accoltellare un collega.

La tragedia di Capodanno

Nell’armadio assieme al corpicino del piccolo i carabinieri hanno ritrovato anche un biglietto con quella che si presume essere la confessione dell’assassino, che aveva raccontato tutto anche al proprio padre attraverso un messaggio audio prima di provare a uccidere l’ex-moglie.

La tragedia sarebbe avvenuta nel tardo pomeriggio del primo gennaio, mentre il piccolo era affidato alle cure del padre per passare con lui la festività. Il bambino sarebbe stato ucciso con una coltellata alla gola. L’ex-compagna dell’uomo e madre del piccolo è stata aggredita forse con la stessa arma ed è ricoverata in ospedale a Varese per le ferite riportate nello scontro.