Il Covid colpisce ancora: rinviato storico appuntamento della TV

Non c’è pace per la TV italiana costretta a rimandare ancora uno storico appuntamento trasmesso da anni 

Miss Italia 2021
Miss Italia 2021 (@Facebook)

Nessuna pietà per il mondo dello spettacolo ancora una volta colpito dal Covid-19. Per domenica 19 dicembre, infatti, era prevista la diretta streaming della finale di Miss Italia, lo storico concorso di bellezza che ha lanciato nel mondo della TV centinaia di modelle, ma è tutto rimandato.

LEGGI ANCHE > > > Pomeriggio Cinque, stop a Barbara D’Urso: le rivoluzioni del programma

NON PERDERTI > > > Il paradiso delle signore, il triste annuncio dell’attrice: fan spiazzati

Lo stop è d’obbligo a seguito della positività di due ragazze che partecipano alla gara. D’accordo con il sindaco di Venezia -località da cui sarebbe stata trasmessa in streaming la finale- Patrizia Marigliani ha deciso di rimandare la finale e dare la possibilità a tutti di partecipare una volta che sarà scongiurato un focolaio tra le modelle.

LEGGI ANCHE > > > Barbara D’Urso, la botta è pesantissima: la notizia allarma i suoi fan

Miss Italia 2021, rinviato lo storico programma: le parole della padrona di casa

Venezia
Venezia (@Pixabay)

Di comune accordo con Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, Patrizia Marigliani ha annunciato che la finale è rimandata a data da destinarsi: “Abbiamo deciso di sospendere l’evento e di rinviarlo al prossimo mese gennaio, anche in attesa dell’evoluzione della situazione epidemiologica in generale. Siamo molto dispiaciuti, ma siamo certi di avere deciso in modo giusto, perché la salute viene prima di tutto e lo spirito di Miss Italia è stato sempre quello di guardare, in primo luogo, al bene delle ragazze”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Sanremo, la lotta contro il cancro di una ex vincitrice: racconto straziante

Brugnaro ha giustamente aggiunto: “Per noi la sicurezza delle persone viene prima di tutto ringrazio l’organizzazione di Miss Italia, del Comune di Venezia e di Vela spa per l’azione a tutela delle ragazze e dei collaboratori”.