Roma, Gualtieri presenta la giunta: chi sono i nuovi assessori

Il primo cittadino della capitale ha tenuto per sé nove deleghe. La sua vice sarà Silvia Scozzese, con delega al Bilancio.

Giunta Gualtieri - Foto di Facebook
Giunta Gualtieri – Foto di Facebook

Ad affiancare Roberto Gualtieri saranno dodici assessori, sei uomini e sei donne. Il neosindaco di Roma ha presentato la sua giunta oggi, mercoledì 3 novembre, durante una conferenza stampa in Campidoglio. La squadra comprende tecnici e politici e il primo cittadino della capitale ha deciso di tenere per sé nove deleghe: Attrazione agli Investimenti, Clima, Partecipate, Personale. Pnrr, Relazioni Internazionali, Sicurezza, Transizione digitale e Università”. 

LEGGI ANCHE: CoP26: pronti il patto sul metano e un impegno mondiale contro la deforestazione

I nomi degli assessori

La vicesindaca è Silvia Scozzese, e avrà delega al Bilancio. Il suo è un ritorno: aveva svolto lo stesso ruolo nella giunta Marino. Gli assessori del Pd, partito di Gualtieri, sono tre: Sabrina Alfonsi, con delega all’Ambiente e ai Rifiuti, Maurizio Veloccia, con delega all’Urbanistica ed Eugenio Patané, assessore ai Trasporti. Miguel Gotor, storico ed ex senatore dem, fondatore di Mdp-Articolo 1, avrà delega alla Cultura. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Contagi in aumento, Green pass obbligatorio fino a giugno, stato di emergenza fino a marzo: le ipotesi

Completeranno la squadra Alessandro Onorato, assessore al Turismo, Grandi Eventi e Sport, Monica Lucarelli, alle Attività produttive e Pari opportunità, Andrea Catarci, assessore al Decentramento, Partecipazione e Servizi al territorio, Barbara Funari, con deleghe al Sociale e Salute. Inoltre, Claudia Pratelli alla Scuola, Formazione e Lavoro, Ornella Segnalini, ai Lavori Pubblici e Infrastrutture e Tobia Zevi, assessore al Patrimonio e Politiche abitative.

LEGGI ANCHE: Green pass, giovedì 4 novembre i dipendenti pubblici in piazza a Torino

Sabrina Alfonsi, Eugenio Patané e Alessandro Onorato sono stati prima indagati, poi archiviati, nell’inchiesta Mondo di mezzo nel 2016. Paolo Aielli invece, city manager del Campidoglio, è indagato per abuso di ufficio nel suo ruolo precedente di amministratore delegato dell’Istituto poligrafico e Zecca di Stato. Secondo gli inquirenti avrebbe favorito una ditta di fornitura di stampanti per le schedine del lotto.