Cashback, arriva la conferma ufficiale: la notizia che fa sognare gli italiani

Cashback, arriva la conferma ufficiale: la notizia che fa sognare gli italiani apre prospettive importanti per il ritorno a gennaio 2022

Che cosa serve al governo Draghi per tornare indietro sulle sue decisioni e dare di nuovo il via libera al Cashback di Stato e al Supercashback da gennaio 2022? Una conferma del fatto che la misura varata dalla precedente amministrazione abbia funzionato e non sia stata una spesa inutile per le casse statali.

(Pixabay)

Il ministro dell’Economia, Daniele Franco, parlando al Senato per aggiornare sul documento di economia e finanza, è stato chiaro e diretto. “Bisogna vedere un’analisi tra i costi e i benefici, per decidere se prorogarlo”. Ma l’orientamento del governo finalmente fa sorridere gli italiani, perché almeno il Cashback di Stato da gennaio prossimo potrebbe tornare.

La prima conferma ufficiale arriva dai numeri, che non mentono. Li ha mesi nero su bianco l’Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano che ha analizzato l’impatto del programma sulla spesa degli italiani. Un dato su tutti: nei primi sei mesi del 2021 le transazioni digitali sono aumentate del 41% passando dai 2,3 miliardi dello stesso periodo 2020 a 3,2 miliardi. Inoltre le cifre sono aumentate del 23%, da 118 a 145,6 miliardi. Raddoppiate anche poi anche le transazioni compiute via smartphone, salite a 2,7 miliardi di euro (cioè +108%).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback addio? Non ci credete, grandissima novità in arrivo per tutti

Cashback, arriva la conferma ufficiale: ecco perché da gennaio può cambiare di nuovo tutto

In tutto sono stati quasi 9 milioni i cittadini che hanno aderito al programma del Cashback e 6,1 milioni hanno toccato la soglia delle 50 transazioni. A fronte di questo, il 43% delle operazioni è stato per spese inferiori ai 15 euro. Quindi bene, ma non benissimo.

Ma il fatto che  gli utenti aderenti ai due programmi di rimborso abbiano utilizzato la carta più frequentemente della media anche se per importi ridotti, è un buon segnale. Inoltre c’è stato un boom delle carte prepagate, passate da 21,2 a 28 miliardi nell’arco di un solo anno (+32%). E anche le carte di debito hanno fatto registrare un aumento di +18,6 miliardi.

(Getty Images)

Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano quindi tutte le misure introdotte con il Cashback di Stato e con il Supercashback hanno funzionato anche se possono essere migliorate. La palla ora passa al governo Draghi che ha ancora due mesi per decidere, mentre gli italiani aspettano un segnale.