Martina Luoni, morta a 27 anni di tumore al colon. Era stata testimonial anti-covid

0

Da quattro anni un tumore al colon la costringeva a continue chemioterapie. Nel 2020, a causa della saturazione degli ospedali per la pandemia, si è vista rinviare un importante intervento chirurgico. È per questo che Martina Luoni, 27 anni, aveva deciso di sensibilizzare gli italiani al rispetto delle regole anti-covid. Nel 2020 è stata infatti testimonial della Regione Lombardia per il corretto uso delle mascherine, per il mantenimento delle distanze, del generale rispetto delle norme anti-covid. Oggi, settembre 2021, Martina non c’è più.

Martina Luoni in uno screen del video di cui è testimonial (Facebook)

“Io ho il cancro. Ma il mio vero problema sei tu“, diceva Martina nel video, riferendosi a chi “non porta la mascherina”, a chi “passa più tempo in giro che in casa”, a chi “se ne frega del rispetto delle regole.” Un video che faceva luce su una questione molto seria: quello del sovraffollamento degli ospedali e della conseguente sospensione degli screening diagnostici. Molte persone affette da malattie oncologiche si sono viste rinviare interi cicli di chemioterapie o interventi programmati da tempo per via della saturazione dei reparti ospedalieri. È così che Martina, appena 27 anni, era diventata la voce pubblica di un problema diffuso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, dieci milioni di italiani non hanno ancora ricevuto la prima dose

A dare notizia della sua morte sono stati i suoi familiari: “Da oggi chiunque guarderà un tramonto, si ricorderà della leonessa Martina“, hanno scritto. Facendo riferimento alla prima parte del video, dove Martina guarda il sole tramontare da una terrazza. Un video che aveva raggiunto oltre 3 milioni di visualizzazioni e che era diventato voce di chi doveva ricevere cure e non ci riusciva: “La mia è sia una denuncia che un appello – dichiarò Martina – una denuncia perché mi pare incredibile non si sia fatto di più per farsi trovare pronti alla seconda ondata; un appello ai cittadini affinché rispettino le regole in modo da non sottoporre le strutture sanitarie a una pressione eccessiva.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui