Khaby Lame: “Ho svoltato dopo quello che mi è successo col Covid”

Incoronato dall’incredibile riscontro avuto sui social, Khaby Lame ha deciso di raccontare la sua storia, spiegando come tutti possano raggiungere i suoi risultati, a patto di seguire un consiglio.

Il giovane Khaby Lame, che ha il profilo Instagram più seguito d'Italia ed il profilo Tik Tok più seguito di sempre (foto Instagram).
Il giovane Khaby Lame, che ha il profilo Instagram più seguito d’Italia ed il profilo Tik Tok più seguito di sempre (foto Instagram).

Diventare l’italiano più seguito di sempre su Instagram, superando la regina dei social Chiara Ferragni, è stata la definitiva consacrazione per Khaby Lame. Il ragazzo ventunenne di Chivasso ha raccontato la sua ricetta per diventare i numeri uno nel web: “Bisogna essere costanti e non arrendersi nelle cose che si ama fare“.

LEGGI ANCHE >>> Chiara Ferragni, nessuno se l’aspettava: perso l’importante primato

NON PERDERTI >>> Milano, si fingono assistenti civici: denunciati gli youtuber ‘The Show’

Secondo quanto Khaby racconta ad ADNkronos, infatti, molte persone rinunciano a quello che amano fare a causa del giudizio delle persone. Lui, invece, non si è demoralizzato nemmeno quando la sua carriera di YouTuber è naufragata miseramente, perchè i video che faceva con gli amici avevano solo una decina di visualizzazioni: “Li vedevamo solo noi“.

Khaby Lame, la svolta arriva “grazie” al Covid

Il giovane Khaby Lame, che ha il profilo Instagram più seguito d'Italia ed il profilo Tik Tok più seguito di sempre (foto Instagram).
Il giovane Khaby Lame, che ha il profilo Instagram più seguito d’Italia ed il profilo Tik Tok più seguito di sempre (foto Instagram).

Khaby Lame è nato in Senegal: quando aveva solo un anno, si trasferì con la famiglia in Italia. Nonostante la dislessia e la discalculia, riuscì a completare gli studi, anche se portò a casa due bocciature. Incominciò a fare tutti i possibili lavoretti che trovava, fino a quando venne assunto in fabbrica, dove però non ci fu spazio per mostrare la sua vena ironica.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, youtuber denunciato: finge di entrare in zona rossa – VIDEO

A causa del lockdown imposto dalla pandemia di Covid perse il lavoro: lì si rese paradossalmente conto di avere tutto il tempo a disposizione per fare ciò che più gli piaceva, cioè creare video divertenti. Khaby racconta: “Il mio linguaggio muto, alla Charlie Chaplin, è universale, mi seguono in tutto il mondo“.

Khaby si sente italiano e senegalese, nonostante abbia solo il passaporto del paese in cui è nato. Il ragazzo è determinato, e promette di combattere politicamente per tutti quelli che si trovano nella sua situazione. Dall’altra parte, ha deciso di voler crescere artisticamente: sta studiando l’inglese, ed il suo manager Alessandro Riggio lo paragona a Eddie Murphy.