Bonus 1000 euro partite Iva: a chi spetta e come richiederlo

0

Bonus 1000 euro partite Iva previsto tra i provvedimenti del Decreto sostegni: vediamo insieme  a chi spetta e come richiederlo

Arriva un po’ di ossigeno da parte del governo per quei lavoratori che fino ad oggi hanno visto poco o nulla a livello di rimborsi. Tra gli ultimi emendamenti al Decreto sostegni voluto dal governo Draghi ci sono anche die novità importanti per le partite Iva sotto forma di aiuti economici.

conte zone rosse
(Pixabay)

In particolare un bonus fino a un massimo di 1.000 euro, destinato espressamente a tutti quei soggetti che in precedenza erano stati esclusi dai contributi a fondo perduto. Non è ancora chiaro quando sarà possibile inoltrare la domanda, perché le modalità di attuazione saranno concretizzate  in un decreto attuativo del ministero dell’Economia. Ma intanto possiamo cominciare a vedere chi è interessato.

Una misura per la quale sono stati stanziati circa 20 milioni di euro a coprire il 2021. Il bonus può essere richiesto da chi ha aperto la sua partita Iva tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2018. Questo soggetti dovranno dimostrare di avere un’attività d’impresa avviata nel corso del 2019 e registrata alla Camera di Commercio. E non devono avere già usufruito di contributi a fondo perduto previsti dal Decreto sostegni.

Infine per loro i ricavi totali non devono essere superiori a 10 milioni di euro. Il sostegno potrà essere riscosso o come bonifico direttamente sul proprio conto corrente oppure sotto forma di credito d’imposta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus genitori separati e divorziati: a chi spetta e come funziona

Bonus partite Iva, arriva anche quello per le Start Up: ecco come funziona

Ma non è tutto, perché sta per arrivare anche un altro contributo importante destinato alle partite Iva. Sarà sempre pari a 1.000 euro, ma destinato a tutte le Start up che hanno aperto la partita Iva nel corso del 2018, avviato poi la loro attività soltanto durante il 2019.

riapertura ristoranti
(Getty Images)

Gli importi potranno essere richiesti dai soggetti che non hanno diritto al contributo a fondo perduto tradizionale perché non possono dimostrare un calo dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi almeno pari al 30% confrontando il 2019 e 2020. Ma dovranno anche dimostrare di aver avuto ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro nell’anno 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui