Vaccino Covid, in Usa tutti i cittadini vaccinabili entro il 19 aprile

0

Vaccino Covid, importante accelerata da parte degli Usa: tutti i cittadini americani saranno dichiarati vaccinabili entro il 19 aprile

vaccino covid usa
Vaccino Covid Usa, importante accelerata nei prossimi giorni (Foto: Getty)

Prosegue senza sosta la campagna vaccinale in tutto il mondo, con migliaia di somministrazioni che vengono fatte ogni giorno per raggiungere l’immunità globale dal Covid. In questo senso, un’importante accelerata la daranno presto gli Usa, con il presidente Joe Biden pronto ad anticipare di due settimane la tabella di marcia.

Tutti i cittadini americani saranno dichiarati vaccinabili entro il 19 aprile, mentre la precedente data di scadenza era il 1 maggio. A riportarlo diversi media americani, che hanno citato fonti dell’amministrazione. Chiunque potrà quindi prenotarsi per ricevere la propria dose del vaccino, e verrà inserito nel calendario in base alle disponibilità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Borghi (Lega) a iNews24: “Questo governo ha scopi precisi, non rompano le scatole con cannabis e legge Zan”

Vaccino Covid, Ue: “70% vaccinati entro fine giugno”

Vaccino Covid
In Ue, la speranza è di vaccinare il 70% della popolazione entro fine giugno (Foto: Getty)

Intanto, anche l’Ue continua a studiare come velocizzare la campagna vaccinale anti Covid nei Paesi membri. A tal proposito, è intervenuto il portavoce alla Salute della Commissione europea Stefan de Keersmaecker, che ha fornito alcune stime in base ai numeri attuali. “Se prendiamo in considerazione le consegne di dosi del vaccino relative al primo trimestre – pari a circa 107 milioni – e le aggiungiamo alle 300-360 milioni previste per il secondo trimestre, dovremmo avere le dosi necessarie per centrare l’obiettivo di immunizzare il 70% degli adulti europei entro fine giugnoha spiegato.

FORSE TI INTERESA ANCHE >>> Giuseppe Conte, lettera a La Stampa: “Sono state dette falsità”

Si parla in totale di 255 milioni di persone. Il calcolo si basa sulle dosi in consegna ovviamente, e non sulle campagne vaccinali degli Stati membri. Si tratta di un obiettivo realistico, speriamo di riuscire a conseguirlo per tempo” ha poi concluso il portavoce alla Salute dell’Ue.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui