Giamaica in lutto, morto U-Roy: la leggenda del reggae aveva 78 anni

0

La Giamaica piange la scomparsa di U-Roy, la leggenda del raggae è morto in seguito ad un intervento chirurgica avvenuta in un ospedale di Kingston.

Giamaica morto U-Roy
U-Roy, leggenda giamacaina del raggae (WebSource)

Nella giornata di ieri è morto l’artista U-Roy, leggenda del reggae giamaicano, dopo un’operazione chirurgica all’University Hospital of the West Indies di Kingston, capitale del paese. Ad annunciare la sua scomparsa ci ha pensato la storica compagna Marcia Smikle, con la notizia annunciata prima dal giornale locale The Gleaner e poi dalla Bbc.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Meteo, nel weekend arriva l’inganno di primavera: tutte le previsioni

U-Roy era uno degli artisti più amati nel panorama reggae non solo nazionale ma addirittura mondiale. Nacque proprio a Kingston il 21 settembre del 1942 e durante la sua carriera è stato un disc jockeye toaster protagonista della Reggae Revolution. Inoltre l’artista era uno dei padri fondatori del Dj Style, uno stile di reggae da molti considerato precursore della musica rap. Andiamo quindi a ripercorrere la carriera del grande artista giamaicano.

Morto U-Roy a 78 anni: il mondo della musica ricorda l’artista giamaicano

La carriera di U-Roy è iniziata molto presto, all’età di 20 anni, quando l’allora giovane artista giamaicano ha iniziato a fare il disc jockey in vari sound system giamaicani, compreso quello di Coxsone Dodd, colui che ha scoperto Bob Marley e fondatore della leggendaria etichetta Studio One. Con U-Roy il mondo conosce un nuovissimo suono, quello del dub che lo rende famoso prima a livello locale e poi a livello mondiale, grazie al suo celebre primo singolo intitolato “Earth’s Rightful Ruler“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Governo, Draghi cerca la svolta contro il Covid: si investirà sui vaccini

Il primo album dell’artista giamaicano, “Version Galore“, arriverà solamente nel 1970. Lavorando con il produttore Duke Reid, U-Roy raggiunge il mondo intero con i suoi singoli Wake the Town” e “Wear You to the Ball“. Ma il vero boom di popolarità avviene con l’esplosione di Bob Marley, che permette agli artisti reggae di raggiungere l’intero pianeta. Proprio in questo periodo arriva il suo album più celebre, Dread in a Babylon, in cui apparirà la famosa immagine di Roy che sparisce in una nuvola di fumo creata dalla cannabis.

L’album inoltre contiene anche il singolo “Chalice in the Palace“. Il pezzo parla proprio di U-Roy che immagina di fumare con la Regina Elisabetta all’interno di Buckingham Palace. Grazie a questo pezzo, l’artista riesce ad ottenere una grandissima popolarità anche all’interno del Regno Unito. Il 15 ottobre del 2007 riesce ad ottenere il riconoscimento di ufficiale dell’Order of Distinction. Nel 2018 arriva invece il suo ultimo lavoro musicale, intitolato “Talking Roots” e prodotto da Mad Professor.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui