Richiami alimentari, ritirato pesce per rischio microbiologico: la nota

0

Richiami alimentari, ritirato pesce per rischio microbiologico: la nota diffusa dal ministero della Salute per avvisare i consumatori

Ministero della Salute Richiami alimentari
Ministero della Salute (photo screenshot da Twitter)

Il ministero della Salute, sempre attento alle questioni alimentari, ha diffuso nelle ultime ore una nota riguardo il ritiro di un prodotto dagli scaffali del supermercato. Nello specifico si tratta del tonno in olio di girasole Porticello, confezione da 1750 gr. Il richiamo fa riferimento all’operatore del settore alimentare (Osa) Frios ittici conservati di Salvatore Russino, di Pineto (in provincia di Teramo). Il pesce in questione è di provenienza africana, prodotto in particolar modo dalla Cosmo seafood company pmb 85 Thema (Repubblica del Ghana).

Secondo le analisi condotte dagli esperti del ministero, il tonno in olio di semi di girasole presenta un rischio microbiologico piuttosto serio. Tutti i consumatori che avessero acquistato tale prodotto sono invitati a riportarlo al negozio, stampando la comunicazione ufficiale, potendo chiedere il rimborso completo.

LEGGI ANCHE >>> Morta per “errore medico”. Condannato in primo grado il primario, la madre a iNews24: “Fatta un po’ di giustizia”

LEGGI ANCHE >>> Richiami alimentari, ritirati due prodotti per rischio chimico

Richiami alimentari, ritirato pesce per rischio microbiologico: il comunicato ufficiale

Tonno
Richiami alimentari, ritirato tonno in scatola (Foto: Getty)

CLICCA QUI PER LEGGERE IL MODELLO DI RICHIAMO ALIMENTARE DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Come ricorda il ministero sul suo sito di riferimento, “gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato.
In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio. Questo può essere effettuato anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita. Il tutto viene anche riportato nella specifica area del portale del Ministero della Salute“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui