Vaccino Covid, Boccia: “Siamo i primi in Europa, oltre 620mila definitivi”

0

Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia ha fatto il punto sulla campagna vaccino anti Covid in Italia

vaccino covid
Vaccino Covid, le parole del ministro Boccia (Getty Images)

Proseguono senza sosta le varie campagne vaccinali anti Covid, in Italia come nel resto del Mondo. Nonostante alcuni intoppi dovuti ai ritardi delle aziende farmaceutiche che stanno distribuendo il farmaco, tutto procedere come da programma. I Paesi membri dell’Ue aspettano ora rinforzi da parte dell’Ema, chiamato a dare l’ok ad altri candidati.

Intanto, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia ha fatto il punto sulla campagna vaccinale in Italia. “Ad oggi, sono già state somministrate 2 milioni di dosi, con oltre 620mila vaccinati già definitivi con il richiamo. Siamo i primi in Europa, davanti alla Germania con 400milale sue parole: “Sono i primissimi numeri, questo è solo un punto di partenza“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ritorno a scuola, Azzolina: “Contagi stabili, ma va protetta” 

Vaccino Covid, Boccia: “Programma europeo molto ampio”

Covid boccia
Italia prima in Europa per vaccinati definitivi (Getty Images)

La distribuzione del vaccino anti Covid prosegue, in Italia come nel resto del mondo. Ha assicurato il buon andamento della campagna vaccinale il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Francesco Boccia. “Siamo i primi in Europa per vaccinati definitivi, con 600mila cittadini che hanno già ricevuto la seconda dose” le sue parole, alle quali ha aggiunto:Abbiamo fatto tutto il possibile, ma questo è solo un punto di partenza. Il programma europeo è così ampio che le aziende produttrici devono necessariamente rispettare i termini inseriti nei vari contratti“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Scuola, si torna in presenza in 7 Regioni: un milione di studenti tra i banchi

A tal proposito è intervenuto anche Sierk Poetting, il responsabile finanziario della BioNTech. “Stiamo lavorando per aumentare le consegne del 15 febbraio, così da assicurare tutte le dosi previste da contratto nel primo trimestre” ha dichiarato in una nota: “Vogliamo arrivare a 75 milioni di dosi all’Ue nel secondo trimestre“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui