Recovery Fund, Gualtieri: “Approvazione in tempi brevi o perderemo soldi”

Recovery Fund, il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri sostiene le necessità di approvare il piano europeo nel più breve tempo possibile. 

Getty Images

Per il futuro del paese, è fondamentale fare il possibile per approvare il Recovery Plan in tempi brevi. Il rischio altrimenti è quello di perdere l’accesso ai fondi.

Queste alcune delle dichiarazioni rilasciate dal Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in un’intervista concessa al giornale La Repubblica. Ai microfoni dei giornalisti, il politico ha infatti spiegato che “Se non facciamo le opere e gli investimenti nei tempi e secondo i criteri indicati, non è che riceviamo i soldi in ritardo. Li perdiamo proprio. Non funziona come per i fondi ordinari. Se non realizziamo i progetti, perdiamo i soldi. E paradossalmente li perdiamo doppiamente perché il meccanismo prevede che noi li anticipiamo e poi ce li rimborsano. E il tutto avviene secondo un calendario di verifiche che procede in base ad una serie di ‘milestone’, ossia di traguardi intermedi”.

Leggi anche: Nobili (Italia Viva) a iNews24: “M5s e PD faranno a meno di noi, le elezioni non ci spaventano”

Recovery Fund, Gualtieri: “Task Force questione secondaria”

Getty Images

E per raggiungere questo scopo, Gualtieri suggerisce di seguire una linea che era già stata tracciata con il decreto semplificazioni, identificando delle corsie preferenziali per quanto riguarda le procedure burocratiche da sbrigare. Sorprende invece il fatto che il Ministro abbia definito il tema della task force più volte invocata dal premier come una “questione secondaria”. Anche perché si è trattato di uno dei punti chiave che ha portato allo scontro con Italia Viva, che sembra ormai prossima a dare il via a una crisi di governo a inizio gennaio.

Leggi anche: Italia Viva, Renzi presenta il piano “Ciao” per la ripresa economica

Ma per Gualtieri l’unica davvero importante è quello di dare il via a “innovazioni procedurali. Di questo abbiamo bisogno, l’esigenza di stare nei tempi è certamente sfidante, ma si tratta di una sfida positiva. E, direi, anche utile”.