Covid, le Asl bloccano diversi nazionali: Mancini nei guai

0
27

Covid, alcune Asl regionali hanno deciso di bloccare a casa diversi nazionali. Anche se non sono positivi, hanno avuto contatti

Roberto Mancini
Roberto Mancini (ìGetty Images)

Forse adesso sappiamo perché Roberto Mancini aveva chiamato ben 41 giocatori per il raduno dell’Italia in vista dei prossimi tre impegni ravvicinati. Alcune Asl regionali infatti nel tardo pomeriggio di oggi hanno bloccato tutti i giocatori che erano stati convicati dalle rispettive nazionali, non solo gli azzurri.

Così il ct, che seguirà il primo impegno amichevole di mercoledì 11 con l’Estonia a Firenze da casa (altre due gare il 15 a Reggio Emilia con la Polonia e il 18 a Sarajevo comn la Bosnia) dovrà inventarsi qualcosa. La prima è stata la Asl Toscana che ha bloccato
13 giocatori della Fiorentina, tra i quali Biraghi e Castrovilli, dopo la positività riscontrata su Josè Maria Callejon, attualmente in isolamento. Con loro pure quelli dell’Under 21 come Cutrone, e altri tipo Milenkovic, Vlahovic e Amrabat.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dzeko positivo al Covid-19: l’annuncio del calciatore 

Covid, le Asl bloccano anche i nazionali di Roma, Lazio e Sassuolo. E il Napoli esulta

Dzeko
Edin Dzeko è tra i nuovi positivi (Getty Images)

Discorso uguale per la Asl del Lazio dopo le positività di Dzeko, Immobile, Leiva e Strakosha (oltre che Tare). Quindi i calciatori della Roma e della Lazio non potranno viaggiare, per rispettare il protocollo in vigore. Mancini non potrà contare su Mancini, Acerbi, Cristante, Lorenzo Pellegrini  e lo stesso Immobile. Ma staranno a casa il difensore Kumbulla (che gioca con l’Albania), l’armeno Mkhitaryan e il brasiliano Ibanez (onvocato con la nazionale olimpica).

La Asl dell’Emilia Romagna ha bloccato i giocatori del Sassuolo dopok le positività di Djuricic, Ricci e Haraslin. Passo indietro invece per la Asl Lombardia dopo la positività di Padelli. D’Ambrosio, Barella e Gagliardini, appena guarito, potranno ripomdere alla chiamata del ct, così come i due del Genoa, Criscito e Luca Pellegrini  on ostante la fresca positività di Zapata.

De Laurentiis
Aurelio De Laurentiis (Getty Images)

Paradossalmente la decisione odierna delle Asl regionali poitrebbe anche incidere sulla sentenza di domani della Corte Federale. Dovrà decidere infatti sul ricorso del Napoli avversio allo 0-3 a tavolino contro la Juventus per non essersi pèresentato a Torino addicen do un blocco della Asl 2 di Napoli.

Allora c’era la positività al Covid di due giocatori, Zielinski ed Elmas ma la Lega Serie A non aveva autorizzato la mamncata presentazione e il Giudice sportivo aveva punito il club. Ora però lo scenario potrebbe modificarsi a favore della decisione presa dal presidente De Laurentiis anche se sull’argomento non c’è uniformità di giudizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui