Covid Emilia-Romagna, Bonaccini: “Pronti a più restrizioni, se necessario”

0
14

Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, ha parlato della possibilità di adottare misure più restrittive nella regione

emma petitti emilia romagna

Il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, ha parlato ai microfoni di Radio 24 della possibilità che si adottino misure più restrittive nella regione. “Se i contagi aumenteranno e ci troveremo di fronte a situazioni più preoccupanti, si dovrà essere pronti a eventuali maggiori restrizioni. Molto dipenderà dai comportamenti che ognuno di noi adotta e dai controlli messi in campo”.

Non c’è il rischio di scontro tra regioni e governo per le possibili misure da adottare singolarmente. “Saremo tutti responsabili così come nella prima fase, quella più drammatica. Faremo di tutto perché non ritorno, ma non vedo tali rischi all’orizzonte”.

LEGGI ANCHE—> Usa, migliorano le condizioni di Trump: domani sarà ad eventi pubblici

Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna

I dati, aggiornati all’8 ottobre, in Emilia-Romagna vedono 184 contagi su quasi 11.700 tamponi effettuati. Nella Regione si registrano 36.638 casi da inizio epidemia e dei nuovi positivi sono 71 gli asintomatici individuati grazie agli screening territoriali. Purtroppo anche nell’ultima giornata si è registrato il decesso di un uomo di 82 anni in provincia di Parma. I casi attivi attualmente sono 5424 e l’età media è di 39,6 anni. Isolamento fiduciario per chi arriva da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e regioni della Francia.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus nel mondo, nuovo record di contagi: 338mila in 24 ore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui