Navid Afkari choc: è stato impiccato in carcere. Sport sconvolto 

Navid Afkari è morto: il 27enne, wresler di fama mondiale, è stato giustiziato nel carcere dove risiedeva in Iran. Inutili i tentativi e gli appelli di queste settimane. Ecco l’accusa che pesava sullo sportivo. 

Navid Afkari
Navid Afkari

Choc in Iran: Navid Afkari, noto wresler mondiale, è stato impiccato nella prigione di Shiraz dove risiedeva ormai da tempo. Non si è trattato tuttavia di un atto illecito da parte degli altri detenuti, ma di un’esecuzione diretta dello Stato. Il 27enne, infatti, è stato condannato a morte dalle autorità per aver ucciso un funzionario pubblico nel 2018.

Potrebbe interessarti anche —-> Allarme incendi negli Stati Uniti: “Lo Stato si prepari ad un disastro mortale di massa”

View this post on Instagram

مایک پامپئو: اعدام #نوید_افکاری توسط رژیم #ایران اقدامی شرورانه و بی رحمانه است. ما این امر را به شدت محکوم می کنیم. این امر حتی با معیارهای حقیر این رژيم، یک تجاوز ظالمانه به کرامت انسانی است. صدای مردم ایران خاموش نخواهد شد. امروز ما در کنار خانواده نوید افکاری و همه ایرانیان در سوگواری مرگ او به دستان این رژیم سنگدل و بی رحم ایستاده ایم. زندگی و مرگ وی فراموش نخواهد شد. #نویدمان_را_کشتند #NavidAfkari

A post shared by USAdarFarsi (@usadarfarsi) on

Navid Afkari è stato giustiziato

A nulla sono serviti gli appelli giunti da ogni parte del mondo per risparmiare la vita allo sportivo. La condanna era stata emessa sulla base di una confessione successivamente ritirata dal diretto interessato, in quanto estorta in precedenza con la tortura come rivelato dal suo legale Hassan Younesi. Inutile anche la campagna social mondiale partita nei giorni scorsi per chiedere la revisione del verdetto.

I fratelli di Navid, Vahid e Habib, saranno invece costretti a scontare rispettivamente 54 e 27 anni di carcere in quanto ritenuti complici. Il Comitato olimpico internazionale si è detto scioccato per quanto accaduto, il segretario di Stato degli USA ha invece definito il tutto: “Un atto crudele e feroce. Un assalto ignobile alla dignità umana”.

Leggi anche —-> Ungheria, soppressa l’ultima radio libera: “Un’esecuzione alla libertà”