Spagna, turisti beccati senza mascherina: si fingono cani – VIDEO

Turisti senza mascherina vengono beccati in Spagna, per non incappare in sanzioni si fingono cani. Esilarante il video a Cangas de Onis

Spagna turisti senza mascherina
(Screenshot video Twitter)

Siamo sicuri che il Covid-19 non causi problemi alla testa? O forse sarà il caldo? Non è ben chiaro il motivo che ha spinto due turisti a commettere il gesto folle, ma divertente. A Cangas de Onis, in Spagna, in pieno agosto, dei turisti sono stati sorpresi senza mascherina, obbligatoria causa virus. Purtroppo la Spagna è uno degli Stati europei che maggiormente sta subendo l’attacco del virus.

Sebbene, stando alle direttive del Ministero della Salute, la Spagna non sia di nuovo a rischio lockdown, i contagi sono in aumento. La capitale, Madrid, resta la città più colpita, ma tutte le principali città stanno subendo un vertiginoso ritorno alla triste realtà.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus Spagna, la decisione sul nuovo lockdown

Spagna, turisti senza mascherina si fingono cani – VIDEO

Ripresi da un balcone di una delle vie principali di Cangas de Onis, in Spagna, due turisti sono stati fermati dalla Guardia Civil, ben due volte. La prima volta, le autorità spagnole si sono limitate a redarguirli e li hanno invitati a indossare le mascherine e rispettare quelle che sono le normative vigenti. La seconda volta, i due hanno ricevuto una multa da 600 per violazione delle normative anti-contagio, oltre che una sanzione per il disturbo della quiete pubblica.

Quando sono stati fermati per la seconda volta, i turisti si sono accovacciati ed hanno cominciato a comportarsi, letteralmente, come cani. Le guardie ed i passanti, increduli di fronte alla scena hanno preso due posizioni diverse: i primi hanno rispettato il loro dovere. Per quanto riguarda tutti coloro che hanno assistito alla scena, con molta ilarità, si sono premurati di diffondere il video ovunque e farlo diventare virale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Covid, italiani evitano negozi senza norme distanziamento: lo studio