Marito sfregia la moglie con un coccio, lotta davanti ai figli

Marito sfregia la moglie davanti ai bambini, una lite molto violenta quella che è poche ore fa accaduta in una città italiana e che sta facendo discutere tutti online. 

Carabinieri
Bologna, scoperta “villa dell’inferno”: festini a base di minorenni e cocaina (Foto: Pixabay)

Una lite davvero furiosa quella che avrebbero avuto poche ore fa una coppia di Milano. La situazione è degenerata velocemente e c’è stata anche violenza tra i due coniugi. Tutto è partito quando delle segnalazioni sono state fatte ai carabinieri intorno alle 21 di ieri sera per una lite e tante urla che arrivavano da un appartamento di Milano. Precisamente la chiamata segnalava qualcosa che non andava in via Civitali. Le segnalazioni parlavano di urla tra moglie e marito, con minacce e tantissimo rumore. I vicini hanno sentito che la situazione non era delle migliori e per questo hanno deciso di avvertire e far intervenire quanto prima le forze dell’ordine. Si temeva infatti che la situazione potesse degenerare, come poi alla fine è accaduto.

LEGGI ANCHE —> Berlusconi, il nuovo bollettino: “Fase delicata ma c’è cauto ottimismo”

Marito sfregia la moglie con un coccio, lotta davanti ai figli

La coppia, di origini marocchine, stava litigando per tutto l’appartamento, lanciandosi oggetti e scontrandosi fisicamente. Quando la polizia è intervenuta hanno trovato una donna 40enne col volto ferito. Ha poi riportato che il marito, individuato ed arrestato prontamente dalla polizia, l’ha ferita usando un coccio che era sul pavimento in seguiti alla rottura di un piatto. Il tutto è avvenuto davanti ai bambini, che hanno guardato la scena terrorizzati ed impotenti. La donna vittima di violenza è stata medicata sul posto dal 118 e poi portata all’Ospedale San Carlo di Milano. Fatti gli accertamenti clinici, è stata dimessa con una prognosi di circa 20 giorni. L’uomo intanto è ora detenuto nel carcere di San Vittore e attende la sentenza su quella che sarà la sua punizione e la pena.

LEGGI ANCHE —> Riapertura scuole, Azzolina: “Non c’è rischio zero, ma protocollo funziona”