Scarica frigorifero in discarica, sindaco glielo rispedisce a casa con dedica

In un comune in provincia di Cremona, un uomo ha scaricato abusivamente un vecchio frigorifero al centro raccolta. Indignato per il gesto, il sindaco ha deciso di riconsegnarlo sotto caso, aggiungendogli una sua dedica.

Getty Images

Di sicuro, nel mondo in cui viviamo non tutti si comportano da cittadini modello. E in realtà, il fenomeno di coloro che decidono di scaricare illegalmente rifiuti di una certa entità, come ad esempio vecchi elettrodomestici, per il semplice fatto che risulta più comodo e veloce, è abbastanza diffuso. È accaduto che a Gerre de Caprioli, un comune che si trova in provincia di Cremona, un uomo si è recato al centro di raccolta per disfarsi abusivamente di un vecchio frigorifero. Alcune persone che passavano di lì lo hanno notato e segnalato il fatto al comune. E a quel punto, Michael Marchi, sindaco della cittadina, ha deciso di reagire a questo atto di inciviltà in maniera inedita e sorprendente. Dopo aver identificato l’uomo grazie alle telecamere di sorveglianza, il sindaco ha infatti deciso di riportare il frigorifero sotto l’abitazione dell’uomo. 

Leggi anche: Covid-19, in Brasile isola dedicata ai soli turisti contagiati

La dedica del primo cittadino al criminale

Getty Images

Non prima però di aver aggiunto una speciale dedica all’autore di questo deprecabile gesto. Il primo cittadino ha scritto un foglio di sua mano attaccandolo in seguito al frigorifero. Rivolgendosi al proprietario ha scritto “caro signore, ti è scivolato il frigo davanti alla discarica di Gerre, per fortuna ti abbiamo visto e te lo riportiamo. Poi ti mando anche la multa”. Una vicenda che Marchi ha in seguito deciso di raccontare alla cittadinanza con un post-sfogo su Facebook spiegando che “nella mattina di sabato 29 con l’amico Italo Fornasari abbiamo caricato il frigorifero, dopo avergli scritto sopra una dedica, e lo abbiamo riconsegnato al legittimo proprietario scaricandoglielo sotto casa. Il comune di residenza non è Gerre e abbiamo pertanto avvisato il comando di Polizia Locale di riferimento”.

Leggi anche: Terrapiattisti a Ustica, la fine del mondo non era in Sicilia