Iran, Ministero fornisce nuovi dettagli su abbattimento aereo ucraino

In Iran, il Ministero della Difesa ha reso pubblici alcuni dettagli sull’abbattimento dell’aereo ucraino avvenuto lo scorso gennaio.

Getty Images

Si inizia fare chiarezza sull’aereo ucraino abbattuto per errore dall’Iran lo scorso 8 gennaio. Anche se purtroppo i particolari che emergono, sono tutt’altro che piacevoli. L’agenzia iraniani per l’aviazione civile ha infatti svelato che i 176 passeggeri sono rimasti vivi per 19 interminabili secondi dopo l’impatto con il primo missile. L’Iran continua a sostenere che l’incidente sia stato causato da un errore umano e dal alcune coincidenze. La notte dello scontro infatti, il governo e il Ministero della Difesa era in tensione in quanto temevano possibili rappresaglie dopo alcuni missili iraniani avevano colpite un contingente americane in Iraq. L’attacco era stato una vendetta del governo di Teheran, dopo l’uccisione del generale dei Pasdaran Soleimani. 

Leggi anche: Iran, presentati due nuovi prototipi di missili balistici

Iran, per il Ministero degli Esteri le sanzioni Usa sono criminali

Getty Images

Intanto gli Usa continuano a chiedere alle nazioni unite la reintroduzione delle sanzioni commerciali contro l’Iran. Il governo di Teheran però accusa gli Usa di “malafede” in quanto sono stati loro i primi a uscire dall’intesa sul nucleare. E la richiesta presentata all’Onu sarebbe una semplice scusa per attaccare il paese. L’Iran, anche per proteggersi dalle ingerenze Usa, sembra ormai prossimi a firmare un accordo commerciale con la Cina del valore di centinaia di milioni di euro. Un’intesa che all’inizio è stato accolta con scetticismo da molti esponenti politici del paese, per il timore che la Cina possa sfruttare questo patto per estendere indebitamente la sua egemonia sul Golfo.

Leggi anche: Stati Uniti, sequestrate quattro petroliere iraniane