Tesla, nuova tecnologia anti abbandono bebè in auto

L’avveneristica azienda di Elon Musk propone un nuovo sistema anti abbandono bebè per le sue auto. L’idea di Tesla aumenterebbe anche sicurezza e protezione dai furti.

Elon Musk
 (Getty Images)

Elon Musk si conferma una fucina di idee, da quelle prossime a rivoluzionare l’esplorazione spaziale a quelle ben più terrene, come le auto elettriche di ultima generazione prodotte da Tesla. In questo caso parliamo di un’alternativa ad alta tecnologia ai noti sensori anti abbandono pensati per i seggiolini di bambini e, soprattutto, neonati.

Un sensore di movimento a corto raggio le cui funzioni sono molteplici: oltre a rilevare un bambino nell’abitacolo renderà più efficace il sistema antifurto e gestirà in modo più intelligente gli airbag in caso di incidente. Tesla ha inoltrato richiesta alla FCC (Federal Communication Commission) per ottenere il nullaosta alla commercializzazione del nuovo dispositivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Elon Musk è diventato il quinto uomo più ricco del mondo

Tesla, ideato un nuovo sistema anti abbandono bebè

tesla anti abbandono bebè
Foto di Andreas Lischka da Pixabay

L’innovativo sistema proposto da Tesla si compone di un sensore radar a onde millimetriche che opera a 60-64 Ghz, con 7 diverse antenne, quattro trasmittenti e tre riceventi. A differenza dei sensori anti abbandono attualmente in commercio, che monitorano esclusivamente il peso sul seggiolino, la soluzione di Musk riesce a rilevare anche i movimenti impercettibili, come il respiro o il battito cardiaco. Questo evita in primo luogo di far partire allarmi per, ad esempio, una semplice borsa o un pacco più pesante del normale.

Il sensore è in grado di rilevare un bebè anche se nascosto sotto una coperta, riuscendo a “vedere” attraverso i materiali più morbidi. Un’innovazione che, come dicevamo, promette benefici anche ai clienti che non hanno bambini piccoli a bordo, rendendo più efficace l’antifurto dell’auto e i vari airbag presenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Elon Musk ha un’altra visione: la musica direttamente nel cervello