Grecia, scontro con una nave turca vicino l’isola di Rodi

In Grecia, si è verificata uno scontro tra una nave ellenica e una di proprietà della Turchia. L’incidente è avvenuto mercoledì ma è stato confermato nella giornata di oggi. 

Getty Images

Continua il conflitto militare nel Mediterraneo Orientale tra Grecia e Turchia. Ad est dell’isola di Rodi si è infatti verificato uno scontro tra due navi dei rispettivi paesi. La notizia è stata confermata nella giornata di oggi, anche se l’incidente è accaduto mercoledì. Il governo turco ha riferito che la fregata della Grecia Limnos ha effettuato una manovra di disturbo nei confronti di un’imbarcazione turca addetta alle esplorazione delle acque. Una mossa che secondo le autorità della Turchia ha costretto la nave di scorta a intervenire e ingaggiare uno scontro con la nave greca, che avrebbe riportato diversi danni per poi essere costretta al rientro. La Grecia sostiene invece che la collisione tra i due mezzi  si stata causata da un errore di manovra della nave turca. 

Leggi anche: Turchia, si spegne Osman Aslan: muezzin della mosche di Santa Sofia

Erdogan: “Se la Grecia ci attacca, pagherà un prezzo altissimo”

Getty Images

Il Ministro degli Esteri della Grecia Nikos Dendias ha presentato nella giornata di oggi al Consiglio Straordinario per gli Affari Esteri Ue un dossier sull’accaduto. Il suo omologo turco ha invece scritto una nota all’Unione Europea denunciando “atti unilaterali e alleanze di Grecia e Cipro che hanno escluso la Turchia”. Alla base di questo conflitto tra le due nazioni vi è l’accordo marittimo recentemente stipulato che secondo il Ministro “viola le piattaforme continentali di Turchia e Libano dimostra la riluttanza di Atene ad avviare un dialogo onesto con la Turchia”. Il premier Erdogan ha invece rivendicato l’episodio spiegando che si è trattato di una risposta alle minacce della marina greca, affermando che “lo avevamo detto, se ci attaccano pagheranno un prezzo altissimo. Oggi hanno avuto la prima risposta”.

Leggi anche: Turchia, riprese trivellazioni nel Mar Mediterraneo