Britney Spears prigioniera di suo padre: sul web l’hashtag #FreeBritney

Sui social network, da qualche giorno è in tendenza l’hashtag #FreeBritney, un appello per liberare Britney Spears dal controllo del padre

britney spears padre
Britney Spears, controllo ossessivo del padre (Instagram)

A seguito di un crollo psicologico, dal 2008 la cantante Britney Spears è sotto la tutela legale del padre. Secondo quanto scaturito nelle ultime settimane, sembrerebbe che il genitore stia applicando un controllo molto rigido sulla figlia, a dir poco esagerato. Per questo motivo, il web ha fatto partire l’hashtag #FreeBritney.

L’obiettivo è quello di “liberare” la 39enne dal controllo totale di suo padre. Specialmente negli Usa, i media hanno spiegato come Jamie Spears stia decidendo tutto della carriera pubblica e della vita privata di sua figlia. Nonostante le condizioni psicologiche di Britney siano ormai buone, il padre sembra inoltre pronto a chiedere al tribunale della California una proroga della tutela legale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Fahim Saleh choc: fondatore Gokada smembrato con sega elettrica

Britney Spears, il controllo totale del padre

britney spears padre
Sul web è partito l’hashtag #FreeBritney (Instagram)

Stando a quanto riferiscono i media statunitensi, il controllo di Jamie Spears sulla figlia sarebbe diventato eccessivo negli anni. A partire dalle decisioni più futili sulla sua carriera, fino ai contenuti da pubblicare sui social network e le persone con cui uscire. Una situazione esagerata, che ha spinto gli utenti del web a far partire l’hashtag #FreeBritney. Tra gli altri, anche la nota influencer Chiara Ferragni ha preso parte all’iniziativa. Secondo quanto riportato da Usa Today, il genitore avrebbe addirittura scelto il nuovo timbro vocale della popstar d’ora in avanti: il falsetto.

Jamies Spears, riporta il Los Angeles Times, guadagna già ora 130mila dollari all’anno per il suo ruolo di tutore legale. Tuttavia, ha accesso a tutte le transazioni e trattative legale alla figlia, il che gli garantisce un controllo quasi totale sul patrimonio della popstar. Sembrerebbe, inoltre, che Britney Spears abbia sviluppato la sindrome di Stoccolma, e quindi non veda il ruolo del genitore come troppo nocivo per la sua vita.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Live Aid 35 anni dopo, la magia di una notte indimenticabile