Novità bonus baby sitter: sì ai voucher per i nonni purché non conviventi

In arrivo importanti novità per quanto riguarda il bonus baby sitter: potranno infatti beneficiare dei voucher anche i nonni purché non siano conviventi

bonus 1000 euro
Bonus 1000 euro, da oggi al via le richieste (Pixabay)

Il bonus baby sitter introdotto dal Decreto Cura Italia si aggiorna e permette anche ai nonni non conviventi di poter beneficiare dei voucher che hanno un importo massimo di 1200 euro. L’Inps, attraverso una circolare, ha confermato che potranno fare uso dei voucher anche i familiari di chi ha richiesto il bonus. L’Istituto di Previdenza ha chiarito che non sarà applicata in sostanza la presunzione secondo la quale i familiari possano elargire prestazioni di lavoro solo a titolo gratuito. Il requisito indispensabile è però quello di non essere conviventi con il nucleo familiare in cui è presente il bambino. In sostanza quindi il voucher non potrà essere usato dagli altri soggetti titolari della responsabilità genitoriale, fra questi rientrano anche i genitori separati o divorziati.

LEGGI ANCHE -> Bonus 1000 euro per maggio: chi può chiederlo e come fare

In che modo è possibile richiedere il bonus baby sitter

Affidi Bibbiano
Bambini che giocano ©Getty Images

Per poter richiedere il bonus baby sitter occorre che sia il genitore richiedente che il beneficiario del voucher siano registrati al portale Inps. Dopo che l’Istituto di Previdenza avrà comunicato l’esito positivo della domanda il genitore riceverà entro 15 giorni la somma sotto forma di voucher. Questo tipo di bonus baby sitter è alternativo ai congedi parentali Covid-19 che sono stati retribuiti dall’Inps al 50% della retribuzione. I giorni calcolati di congedo parentali inizialmente erano 15, il decreto rilancio li ha raddoppiati in 30 giorni per nucleo familiare, a prescindere dal numero di figli. Coloro che hanno già goduto quindi dei primi 15 giorni di congedo potranno richiedere un voucher del valore residuo di 600 euro. Inoltre nel decreto rilancio, in alternativa al voucher da dare ai baby sitter, è previsto un bonus per l’iscrizione dei bambini ai centri estivi e ai servizi per l’infanzia.

LEGGI ANCHE -> Pensione Luglio 2020: bonus ed erogazione anticipata