CONDIVIDI

Paura a Lampedusa dove è stato appiccato un incendio doloso contro il deposito dei barchini dei migranti. Il sindaco, sdegnato, grida all’attentato.

Lampedusa migranti
Incendio al deposito dei barchini dei migranti (via Twitter)

Nuovo attacco a Lampedusa, dopo l’oltraggio di due giorni fa alla Porta della Vita. Infatti, questa volta dei facinorosi hanno deciso di appiccare un incendio al deposito delle barche dei migranti in due punti diversi dell’isola.

Dopo l’incendio, sono subito intervenuti i Vigili del Fuoco, che da ore stanno cercando di domare le alte fiamme. Inoltre l’evento ha suscitato tutto lo sdegno del sindaco di Lampedusa, Totò Martello, che ha puntato il dito contro i malviventi ed ha affermato: “Vogliono attentare all’immagine di Lampedusa“.

Una situazione difficile, quella che i pompieri si sono trovati davanti, visto che le fiamme sono state alimentate dai venti di scirocco, rendendo più difficili le operazioni di soccorso. In queste ore, la procura di Agrigento ha deciso di aprire un fascicolo, per indagare sui due eventi che hanno colpito l’isola siciliana.

Lampedusa, a fuoco i barconi dei migranti: secondo attacco all’isola

Lampedusa migranti
E’ il secondo attacco all’Isola siciliana (via WebSource)

Come detto non è il primo attacco violento che colpisce Lampedusa. Infatti già due giorni fa, alcuni malviventi avevano oltraggiato la Porta della vita, il monumento simbolo dell’accoglienza ai migranti. Adesso l’attacco  è arrivato direttamente al porto.

Attacchi che non fanno altro che alimentare la tensione nell’isolotto, specialmente dopo lo sbarco autonomo di 600 migranti. Un numero enorme per l’isola che teme di affrontare già un’estate magra a causa dell’emergenza Coronavirus.

Poche ore fa il sindaco Salvatore Martello ha anche denunciato l’inadeguatezza dei mezzi di trasporto che garantiscono i collegamenti con la terraferma. Infatti per Martello ci sono pochi voli e tra l’altro con aerei malconci, in cui oggi pioveva dentro, e che inoltre viaggiano a capienza ridotta a causa delle misure di distanziamento. Vedremo nei prossimi giorni come si evolverà la situazione e se arriveranno delle notizie confortanti per il sindaco dell’isola siciliana.

L.P.

Per altre notizie di Cronaca Italiana, CLICCA QUI !