Silvia Romano, confermate le indiscrezioni: “Mi sono convertita all’Islam”

Atterrata alle ore 14 a Ciampino, Silvia Romano ha confermato le indiscrezioni circolate nelle ultime ore, dichiarando di essersi convertita all’Islam

silvia romano
Secondo quanto riportato da Open, Silvia Romano avrebbe confermato di essersi convertita all’Islam (Twitter)

Nella giornata di ieri, il Premier Giuseppe Conte ha dato l’annuncio della liberazione di Silvia Romano. La volontaria, rapita in Kenya il 20 novembre 2018, è atterrata a Roma Ciampino poco fa, intorno alle ore 14. Ad accoglierla il Premier stesso e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Apparsa con indosso un vestito lungo di color verde, sono partite subito diverse voci che parlano di una sua conversione all’Islam.

Secondo quanto riportato da Open in esclusiva, è stata la stessa Silvia Romano a confermare il tutto pochi minuti fa. “Sì, confermo di essermi convertita all’Islam” ha dichiarato la volontaria: “Ma i rapitori non mi hanno mai obbligata, è stata una mia scelta“. La donna ha poi tenuto a sottolineare come non abbia ricevuto alcuna costrizione fisica e non sia stata costretta da nessuno a sposarsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, a Palermo autista picchiato su un bus: voleva far rispettare misure

Silvia Romano, l’interrogatorio e il ritorno a casa

silvia romano
Dopo l’interrogatorio col pm, la volontaria potrà finalmente tornare nella sua casa a Milano (Twitter)

Una volta essere finalmente tornata in Italia e aver riabbracciato i suoi cari, Silvia Romano è stata portata in caserma dai Carabinieri per un interrogatorio. Presenti il pm della procura di Roma e gli ufficiali dell’antiterrorismo. L’obiettivo è quello di far luce su quanto accaduto alla volontaria della onlus Africa Milele, rapita in Kenya il 20 novembre 2018.

Una volta finito l’interrogatorio, Silvia dovrebbe partire e tornare con i propri genitori nella sua casa di Casoretto, quartiere di Milano. Già nella giornata di ieri, subito dopo l’annuncio da parte del Premier Conte della sua liberazione, il vicinato è esploso in festa, intonando canzoni dal balcone e aspettando a braccia aperte il suo ritorno dopo un anno e mezzo di prigionia.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> ‘Spiaggia 4.0’, il progetto per andare al mare in sicurezza: come funziona