Coronavirus, Governo chiarisce: “Solo questi cittadini possono andare in spiaggia” 

Coronavirus, sarà possibile andare in spiaggia e fare il bagno durante la fase 2? Risponde direttamente il Governo: sì, sarà concesso, ma inizialmente solo a questa fascia specifica di cittadini. 

Coronavirus

Sarà possibile recarsi in spiaggia e fare il bagno durante la fase 2? Con l’estate ormai alle porte, è questa la domanda che si pongono milioni di italiani malgrado la pandemia da coronavirus. Un quesito al quale, nelle ultime ore, ha risposto direttamente il Governo per fugare via ogni dubbio.

Coronavirus, sarà possibile andare in spiaggia?

Sul proprio sito ufficiale, infatti, c’è un preciso riferimento a tale situazione. La risposta è la seguente: potranno recarsi presso il mare o il fiume solo coloro che abitano entro i 200 metri dall’acqua. E fare il bagno, ovviamente con tutte le attenzioni del caso, è possibile a meno che non sia vietato più specificamente da ordinanze locali.

Potrebbe interessarti anche —-> Scuole minori riaperte subito: la proposta del Politecnico di Milano 

La nuotata, di fatto, è inclusa nell’attività motoria che tornerà possibile in vista della nuova ordinanza. Sul portale dell’esecutivo, inoltre, è specificato che: “I predetti luoghi non sono chiusi al pubblico, come invece lo sono, attualmente, i parchi e le aree verdi urbane, e altresì gli stabilimenti balneari, in cui permane il divieto di ingresso e circolazione”.

Dunque, a meno che non vi siano delle restrizioni più approfondite e severe nei confini regionali o cittadini, sarà possibile recarsi per una nuotata qualora questa rientro nel raggio d’azione evidenziato. E “potrà essere giustificata con autocertificazione, se gli agenti che fanno i controlli la richiedono”, si legge sul sito governativo.

Situazione, ovviamente, che potrà variare ulteriormente nelle prossime settimane in base ai risultati che ne verranno. Un abuso eccessivo potrebbe infatti spingere le Istituzioni a fare dietrofront. Così come un’ulteriore discesa della curva epidemiologica, invece, potrebbe aprire a una programmazione effettiva e minuziosa dell’estate in arrivo.

Leggi anche —-> Meteo, torna il maltempo: prossima settimana segnata dai temporali