Coronavirus, Guerra dell’Oms: “Inevitabili dei nuovi focolai”

Il vicedirettore dell’Oms, Ranieri Guerra, ha lanciato l’allarme riguardo la possibilità di nuovi focolai nei prossimi mesi

coronavirus Oms

Dopo Walter Ricciardi, stavolta è il vicedirettore dell’Oms Ranieri Guerra a lanciare l’allarme riguardo una ricaduta sui contagi da coronavirus. Per il membro dell’Organizzazione Mondiale di Sanità, nuovi focolai saranno inevitabili anche dopo il ritorno alla quasi normalità.

Questi però, eventualmente, spiega a Rainews24, saranno individuati rapidamente con tamponi a domicilio su tutto il territorio. Inoltre spiega che, per la fase 2, c’è stata una valutazione molto approfondita di eventuali rischi. Si è studiato un modo idoneo per mettere in sicurezza i lavoratori nel momento del ritorno all’attività.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Santelli avvisa: “Calabria ancora chiusa in caso di rischi” 

Coronavirus, dall’Oms arriva l’allarme per l’Africa

coronavirus africa

Ghebreyesus, membro dell’Oms, ha spiegato che “con il supporto dell’Oms, la maggior parte dei paesi nel continente ha ora la capacità di testare il coronavirus. Nonostante ciò vi sono ancora lacune significative nell’accesso ai kit per i test. Stiamo collaborando con alcuni partner per colmarle e aiutare i paesi a trovare una soluzione”. Poi ammette che servono ancora 44 miliardi di dollari all’Africa per combattere la pandemia.

Ad ora i morti nel continente sono 1000, ma i casi nell’ultima settimana sono aumentati del 51%. L’Uneca afferma che rischiano la morte tra le 300mila ed i 3,3 milioni di persone. Nei prossimi mesi, qui, la situazione potrebbe davvero portare risultati nefasti. Basti pensare che solamente il 34% delle persone, nelle zone più povere, ha la possibilità di lavarsi le mani.

coronavirus africa

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Parlamento Europeo: approvata risoluzione recovery-bond