Torino, spacciava droga nel suo bar: arrestato 60enne

Pianezza (Torino): il proprietario di un bar possedeva della droga insieme alla compagna. Blitz dei Carabinieri che hanno immediatamente arrestati i due.

Torino
Carabinieri (photo Gettyimages)

In provincia di Torino, nello specifico a Pienezza, un uomo possedeva dosi di cocaina all’interno del suo bar. Come riporta Skytg24, i Carabinieri del luogo sono immediatamente intervenuti, irrompendo all’interno dell’attività (che tra l’altro doveva essere chiusa per le norme di isolamento sociale anti-Coronavirus), rinvenendo dosi di cocaina. Immediato l’arresto per il 60enne, proprietario del locale, e per la sua compagnia di 28 anni, che aveva addosso 32 grammi di cocaina, pronta per lo spaccio.

Come riporta Skytg24, i Carabinieri sono entrati nel bar per un controllo, dal momento che la saracinesca dell’attività commerciale era aperta. La coppia, all’arrivo delle forze dell’ordine, ha fin da subito dimostrato disagio e, nel giro di poco tempo, è iniziata la perquisizione del locale. I Carabinieri, a seguito della persecuzione, hanno trovato 32 grammi di cocaina addosso alla compagna del gestore. Da lì è partita la spedizione presso le abitazioni. Una volta arrivati all’interno dell’abitazione dei due, i Carabinieri hanno rinvenuto un bilancino di precisione, accompagnato da un aggravante: la presenza di una pistola di calibro 7,65, modello 27, come riporta Skytg24.

Leggi anche >>> Coronavirus, 91.246 contagi e 15.887 morti in Italia. Boris Johnson ricoverato – DIRETTA

Arrestato gestore di un bar a Torino: possedeva droga

Carabinieri
Carabinieri (photo Gettyimages)

La notizia, riportata da Skytg24, riporta l’immediato arresto di una coppia torinese, nello specifico di Pianezza. Il sessantenne, insieme alla compagna di 28 anni, possedevano dosi di cocaina all’interno dell’attività commerciale. Nell’abitazione dei due, è stata poi rinvenuta anche una pistola, la cui marca è Bohmische Waffenfabrik. Come leggiamo dalla fonte, l’arma sarà ora fatta analizzare dal Ris di Parma nei prossimi giorni. I due, oltre alle varie accuse, portano anche l’aggravante di non aver rispettato le norme di isolamento sociale imposte dal governo negli ultimi giorni. Infatti, stando alle regole, il loro bar doveva rimanere chiuso.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, la ministra Bonetti: “Programmiamo ora la ripartenza”

F.A.