CONDIVIDI

Tragico incidente sugli sci, la 25enne marchigiana Cristina Cesari nonostante il ricovero in ospedale a Trento non ce l’ha fatta.

Elisoccorso Madonna di Campiglio
Elisoccorso in azione a Madonna di Campiglio (Facebook)

Tragico incidente sugli sci a Madonna di Campiglio. A poche ore dalla violenta caduta mentra stava scedendo su una pista della nota località trentina, è stata dichiarata la morte cerebrale di Cristina Cesari. La ragazza, originaria di Civitanova Marche era arrivata soltanto il giorno prima con alcuni amici per passare una vacanza e aveva cominciato da poco la sua discesa.

Attorno alle 12.30 di giovedì 13 febbraio è stata trovata in terra, priva di sensi, da un gruppo di sciatori. Nonostante indossasse regolarmente il casco, le sue condizioni sono parse subito molto serie. Sul posto è intervenuto il personale medico con l’elisoccorso ma dopo alcuni tentativi di rianimazione, i soccorritori hanno deciso per il trasporto all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Cristina è arrivata in gravissime condizioni e oggi i medici hanno dichiarato la sua morte cerebrale. La giovane, che aveva frequentato l’ITC Corridoni a Civitanova Alta, era molto conosciuta in città e la notizia ha scosso tutti. Ma quale è stata la dinamica dell’incidente? Alcune telecamere presenti sulla pista hanno permesso di ricostruire la caduta. Improvvisamentge Cristina ha perso il controllo degli sci ed è finita fuori pista. Un volo di diversi metri ed è atterrata su uno strato di neve ghiacciata, sbattendo violentemente.

Cristina Cesari incidente sugli sci
Cristina Cesari, morta in un tragico incidente sugli sci (via Facebook)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Oltre 30 mila incidenti all’anno sulle piste: il vademecum per non correre rischi

Incidenti in montagna due scialpiniste morte a Cortina d’Ampezzo e Corvara

Quello di Cristina Cesari non è stato però l’unico incidente mortale sulle nostre montagne. A Cortina d’Ampezzo nelle ultime ore una 50enne scialpinista americana ha perso la vita dopo essere precipitata per centinaia di metri. Era sul ‘Bus di Tofana’ e stava affrontando una discesa assieme ad altri tre compagni.

La guida alpina che accompagnava lei e gli amici, un 49enne di Cortina, nel tentativo di salvarla è rimasto gravemente ferito, precipitando per circa 400 metri. I traumi riportati dalla donna si sono rivelati fatali mentre la guida è ricoverata a Belluno. E sempre nella stessa gionata un’altra scialpinista (questa volta austriaca) era morta sul Piz Boè, sopra Corvara in Alto Adige. Anche lei esperta, era scivolata su un lastrone di ghiaccio nel corso della discesa verso la Val Mezdì, precipitando nel vuoto.

Oggi invece due ragazze di 17 anni sono rimaste coinvolte in un incidente sulle piste di sci del Monte Pora, in Lombardia. In base alle prime informazioni, si sarebbero scontrate mentre stavano sciando. Sono state trasportate agli ospedali di Piario e di Seriate, ma al di là di un fporte trauima cranico le loro condizioni sono inj miglioramento.

Incidenti piste
Piste da sci, tre incidenti mortali in poche ore (da Pixabay)